Ci sono sempre problemi oculari nei pazienti con sindrome respiratoria acuta da coronavirus 2 (SARS-CoV-2).

Il virus è altamente contagioso e causa una grave malattia respiratoria da COVID-19.

E' importante sapere che: 

 

  • Diversi rapporti indicano che il virus può causare congiuntivite che può essere trasmessa anche per via aerea.

 

  • I pazienti che si presentano nei nostri ambulatori di medici oculisti per una congiuntivite e che presentino anche febbre e sintomi respiratori tra cui tosse e mancanza di respiro, o che abbiano recentemente viaggiato (Cina, Iran, Italia, Giappone, e Corea del Sud), oppure che abbiano familiari che di recente siano tornati da uno di questi paesi, potrebbero essere casi di COVID-19.

 

  • si raccomanda di proteggere con una mascherita sempre la boccail naso e gli occhi doprattutto quando si visitino pazienti potenzialmente infetti da SARS-CoV-2.

 

  • Il virus che causa COVID-19 è molto probabilmente sensibili agli stessi disinfettanti all'alcol e a base di candeggina che oftalmologi usano comunemente per disinfettare strumenti oftalmici e mobili per ufficio. Per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2, le stesse pratiche di disinfezione già utilizzati per prevenire la diffusione ufficio a base di altri agenti patogeni virali sono raccomandati prima e dopo ogni incontro paziente.

 

Congiuntivite coronavirus

Ultimi dati attendibili

 

Casi globali: 105,586 (aggiornato 8 marzo 2020; fonte: OMS)

  • decessi totali: 3.584
  • Paesi dichiaranti casi: 102

Casi degli Stati Uniti: 423 confermati e presunti casi positivi (aggiornato 9 marzo 2020; fonte: CDC)

  • decessi totali: 19
  • i casi di segnalazione Uniti: 35

I paesi con una trasmissione documentata sono la Cina, l'Iran, Italia, Giappone, e Corea del Sud.

Durante la settimana del 23 febbraio, diversi casi di possibile trasmissione comunità di SARS-CoV-2, in cui le persone si sono infettati senza aver avuto contatti con qualcuno che aveva l'infezione, sono stati documentati negli Stati Uniti in California, Oregon e Washington.

Diffusione della Comunità nella zona di Seattle di Washington ha provocato la prima morte e multipli successivi decessi segnalati negli Stati Uniti da COVID-19, così come il primo caso riportato di COVID-19 in un operatore sanitario e il primo focolaio potenziale in un a lungo termine struttura di cura.

 

Ricordiamo che

La SARS-CoV-2 è un, virus a RNA a singolo filamento che causa COVID-19. 

I pazienti di solito si presentano con malattie respiratorie, febbre, tosse e mancanza di respiro; congiuntivite è stata sempre riportata anche vi possono essere gravi complicazioni polmonari.

I sintomi possono apparire come appena 2 giorni o fino a 14 giorni dopo l'esposizione. In questo momento, al momento non esiste alcun vaccino per prevenire l'infezione, e nessun farmaco noto per essere efficace nel trattamento.

Test per l'infezione da SARS-CoV-2 sono ampiamente disponibili in Italia.

Il virus COVID-19 si pensa abbia una diffusione come gli altri Coronavirus, principalmente tra persona a persona, attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce o starnutisce.

Potrebbe anche essere diffuse da persone infette che abbiano toccato un oggetto o una superficie, quindi non tocchiamo mai una superficie anche solo sfiorata da una persona potenzialmente affetta virus COVID-19.

Laviamoci o disinfettiamoci spesso le mani con Gel a base alcolica ed evitiamo di toccare bocca, naso o occhi.

Il Virus COVID-19 (a RNA) è stato trovato anche in campioni di feci e urine di pazienti infetti, segnalando anche la possibilià di una trasmissione oro-fecale

Vi sono inoltre pazienti completamente asintomatici.

Lo scorso febbraio ( 21 febbraio report in JAMA) è stato pubblicato un caso di un portatore asintomatico che ha infettato 5 membri della sua famiglia, pur avendo una TAC torace negativa.

Studi molto recenti suggeriscono che il virus possa causare una forte congiuntivite, pertanto, è possibile che la SARS-CoV-2 sia trasmesso per via aerea con la congiuntiva

 

 

  • Sul Journal of Medical Virology studio c'è un lavoro su 30 pazienti ospedalizzati per COVID-19 in Cina, 1 aveva congiuntivite. Quel paziente e non gli altri 29 aveva SARS-CoV-2 nelle sue secrezioni lacrimali e sulla superficie oculare. Questo suggerisce che la SARS-CoV-2 può infettare la congiuntiva e che il virus sia presente nel film lacrimale. 
  • In un altro studio più ampio pubblicato sul New England Journal of Medicine, i ricercatori hanno documentato "chemosi congiuntivale" in 9 su 1.099 pazienti (0,8%) con confermati in laboratorio COVID-19 da 30 ospedali in tutta la Cina.

Mentre sembra che la congiuntivite acuta da COVID-19 sia davvero un evento raro, altre forme di congiuntivite associati a questa malattia sono invece molto comuni.

I pazienti ignari (ma affetti da COVID-19) spesso si presentano nelle cliniche oculistiche o in Pronto Soccorso lamentando Congiuntiviti o altri disturbi oculari come primo sintomo della malattia.

Quindi vi è una seria probabilità che proprio i medici oculisti siano i primi a valutare i un paziente infettato da COVID-19.

 

 

Pertanto, per piacere, proteggete sempre bocca, il naso (con una mascherina) e gli occhi (con occhiali protettivi) quando visitate i vostri i pazienti (potenzialmente infetti con COVID-19.

Inoltre, applicate alla vostra lampada a fessura, scudi di plexiglass per proteggersi dal respiro dei nostri pazienti.

 

Anamesi dettagliata 

  • Il vostro paziente ha sintomi respiratori?
  • Il paziente ha recentemente viaggiato a livello internazionale?
  • I membri della sua famiglia di recente sono stati in Cina, Iran, Nord Italia, Giappone e Corea del Sud?
  • Pazienti malati che eventualmente hanno COVID-19 con una patologia oculare urgente possono essere visti, ma dispositivi di protezione individuale devono essere indossati da tutti coloro che vengono a contatto con il paziente:
    •  guanti,
    •  camici,
    • protezione delle vie respiratorie e
    • protezione per gli occhi.
  • Fare indossare al paziente una mascherina facciale e isolarli in un ambulatorio con la porta chiusa. 

L'ambulatorio deve poi essere accuratamente disinfettato.

 

Resta a casa

 

Ulteriori informazioni su:

 

I contenuti scientifici sono forniti gratuitamente dai nostri professionisti medici oculisti È vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza le necessarie autorizzazioni previste dalla Legge.