Utente 461XXX
Salve, ho 35 anni, pratico sport e da una settimana non riesco piú ad avere un’erezione del pene, solo brevi indurimenti ma senza poter neanche masturbarmi. Anche al risveglio non ho piú il classico indurimento “da vescica piena”.
Premetto che non ho mai avuto problemi del genere, anzi bastava una piccola stimolazione per raggiungere un’erezione anche duratura.

Dato che soffro di dermatite atopica, dal 2015 ogni tanto faccio dei cicli con Deltacortene 25 mg (10 compresse con quantitá a scalare) su prescrizione del dermatologo. Di recente ne ho fatti due nel giro di un mese e mezzo. L’ultimo terminato una settimana prima dell’inizio del problema. In concomitanza con l’ultimo ciclo, in vacanza, ho anche fumato due pacchetti di sigarette e bevuto circa 3 litri di birra, cose che non faccio mai nella vita quotidiana.
Un’ecografia ai testicoli fatta 1 anno fa non ha rilevato niente di preoccupante.

Ho anche notato che sul glande (ai lati del frenulo) ci sono due piccole zone di colore non molto roseo, ma tendenti al violaceo.

Quale puó essere la causa del problema? E' colpa del cortisone (il quale non ha mai sortito il minimo fastidio) o puó essere altro? Sono molto preoccupato per questo problema improvviso.
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.mo utente

i suoi dubbi probabilmente sono realtà, infatti il cortisone interferische sulla secrezione del testosterone, ormone maschile di estrema importanza per la sessualità maschile, il consiglio è di avvicinarsi allo specialista eseguendo un esame ormonale per una valutazione a tutto tondo dell'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi.

Un cordiale saluto
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2] dopo  
Utente 461XXX

Grazie. Quindi mi consiglia di fare prima una visita andrologica? Gli esami me li prescrive l'andrologo o il medico di base? Sono esami invasivi o semplici analisi del sangue?
Questi squilibri sono facilmente risolvibili mediante farmaci? Scusi per le tante domande.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

si tratta di un esame del sangue che può fare in prima battuta facendosi prescrivere dal suo medico di base i seguenti ormoni: LH, FSH, Estradiolo, PRL, Testosterone totale, quindi fare la visita specialistica. E' indispensabile valutare gli ormoni per rispondere alla sua ultima domanda.

Un cordiale saluto
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#4] dopo  
Utente 461XXX

Un'ultima domanda: se fosse un problema ormonale, in queste settimane in attesa di visite ed esami potrei vedere dei miglioramenti (ovviamente senza prendere alcun farmaco)? Il giusto livello si ristabilisce da solo piano piano?

Grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Tutto e' possibile, il cortisone non provoca un blocco persistente, dipende da quando ha smesso di assumerlo e dai suoi dosaggi ormonali, si tranquillizzi e faccia gli esami.
Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it