Utente 310XXX
Buongiorno a tutti, scrivo in questo forum per ascoltare i pareri di altri andrologi, oltre a quello a cui mi sono rivolto.
Premetto che ho 27 anni e non ho mai avuto un rapporto sessuale completo dovuto alla mancanza di erezione e fastidi al pene.
All’eta di 16 anni soffrivo, credo, di fimosi ed ho risolto autonomamente applicando due volte al giorno una crema rilasticizzante che mi ha permesso di scendere la pelle sotto il glande (non ci resta da sola, la devo tenere, ma scende). Da qualche anno ho iniziato a sospettare anche di frenulo breve a causa dei dolori che percepisco quando tento di scendere la pelle. Attualmente dunque soffro di frenulo breve e mancanza di erezioni durature e complete. Mi sono rivolto ad un andrologo della mia città che presto mi operera per il frenulo. Mi ha prescritto anche delle analisi, tra cui il testosterone, che risulta pari a poco meno di 5. Dato il valore basso per la mia età mi ha prescritto degli integratori che ai chiamano Astenor da assumere una volta al giorno per 2 mesi.
L’andrologo mi ha anche controllato i testicoli attraverso una radiografia per verificarne lo stato e non ha riscontrato alcun problema.

Vorrei dunque chiedere ai dottori del forum se effettivamente il frenulo corto (ed il relativo fastidio) possano causare mancanza di erezione perche l’ultima volta che ho provato ad avere un rapporto ho riscontrato una perdita di erezione subito dopo i preliminari, prima del rapporto e del relativo fastidio.
Inoltre, riscontro fastidio al glande anche quando la mia ragazza pratica sesso orale, se esercita un po di inspirazione con la bocca.
Potrei chiedere altri esami? La mancanza di erezione completa prima del rapporto a cosa puo essere dovuta? E il fastidio durante il sesso orale?
Grazie

Grazie

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

una risposta mirata e precisa solo il suo andrologo di fiducia gliela potrà dare in diretta; qui noi le possiamo dire che forse una parte dei suoi problemi erettivi potrebbero essere dovuti anche a problematiche psicologiche od organiche diverse e non solo dal frenulo corto.

Risenta ora il suo andrologo di riferimento e nel frattempo si legga anche, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-quando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-che-cosa-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-nel-trattamento-della-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/blog/andrologia/5167-10-consigli-per-mantenere-la-tua-erezione.html

https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 310XXX

Gent.mo dottor Beretta, la ringrazio per il suo parere.
Sono andato dal medico di base (neurologo) per la richiesta medica legata all’intervento.
Il medico mi ha detto che potrebbe essere anche una forma di prostatite (nonostante non abbia alcun bruciore o fastidio durante la minzione, ne alcun altro sintomo diverso da quelli già descritti).
Inoltre, il medico neurologo, ha avanzato l’ipotesi che il problema potrebbe essere legato ad una forma di ernia (ernia di Schmorl) di cui ho sofferto in passato ma ne sono “uscito” con cicli di cortisone.
Ora mi ha prescritto una risonanza con liquido di contrasto per verificare che il problema sia questo.
Consegnerò tutto dopo l’operazione, i primi di giugno 2018.

Lei cosa ne pensa, riguardo le due possibili cause avanzate dal medico di base? Non ha dati alla mano, lo so benissimo, ma le sarei grato se potesse dirmi cosa suggerisce la sua esperienza.

Grazie.

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

purtroppo non ho elementi concreti e validi per confermare o non confermare le eventuali e possibili correlazioni cliniche che il suo medico e gli altri specialisti consultati hanno fatto.

Bene chiedere ora a loro, sempre in diretta, ulteriori chiarimenti ai colleghi da lei consultati.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 310XXX

Buongiorno,
a distanza di un anno posso dire che l'operazione ha avuto successo, i punti sono stati assorbiti correttamente e non è rimasta alcuna cicatrice. L'unico problema che mi è rimasto e non mi permette di avere rapporti soddisfacenti e la secchezza del glande. Sin da primo giorno mi sembra secco, quasi rugoso e non permette alla pella di scorrere correttamente su di esso ma anzi, la fa "arrotolare".
Purtroppo sono stato trasferito per lavoro e non mi trovo nelle condizioni di raggiungere l'andrologo che mi ha seguito dal primo giorno ma non so se dovrei recarmi da un andrologo o un venereologo.

[#5]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene in prima battuta sentire sempre in diretta un bravo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 310XXX

Buongiorno, ho finalmente fatto una visita da un andrologo della mia attuale città (diversa da quella del primo post).
Il dottore mo ha detto che le cause del fastidio potrebbero essere due:
- Lesione di qualche nervo (?) durante l'operazione di frenuloplastica di cui ai precedenti messaggi.
- Funghi o altri tipi di infezioni del glande.

Mi ha prescritto dunque alcune analisi ed un tampone per verificare il secondo punto ma dopo un primo, breve, esame visivo lui si sentirebbe di escludere infezioni e simili.

Non capisco peró per quale motivo io senta sempre il glande allo stesso modo, con lo stesso fastidio (prima e dopo l'operazione). Inoltre, il fastidio che mi costringe ad interrompere il rapporto mi si manifesta dopo alcuni minuti dall'inizio del rapporto stesso, non immediatamente

[#7]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Difficile, da questa postazione, senza poter vedere nulla darle una risposta mirata e corretta.

Segua comunque ora le ultime indicazioni cliniche ricevute in diretta.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com