Utente 496XXX
Buonasera, scrivo su questo blog un caso alquanto particolare, non trovando altre risposte esaustive. All’incirca 8 anni fa, ho subito un colpo alle parti intime, zona pube (una ginocchiata che ha colpito tutta la zona dell’apparato), la mia paura, mi impedì di espormi con la mia famiglia, ed andando in bagno in quel giorno, notai delle perdite di sangue dal pene, suppongo da dove vengono espulse le urine. A distanza di anni, già altre volte mi sono trovato in situazioni di perdita di erezione durante il rapporto, maggiormente nei casi in cui dovevo indossare il preservativo. Premetto che sono consapevole che potrebbe essere un fattore psicologico. Ma la mia domanda sorge nel momento in cui, quando non si deve usare il preservativo, ottengo la mia erezione fino all’apice, durante il rapporto sessuale comunque perdo un po’ di potenza, oppure se mi distraggo per pochi secondi, perdo comunque. Un altro indice è che le erezioni mattutine, non durano molto o non si presentano proprio. Vorrei sapere se quell’episodio ha causato qualche problema o si tratta solo di un caso psicologico. Consapevole del fatto di dover fare una visita specialistica, però mi turba veramente tanto questa cosa, volevo avere già qualche informazione per tranquillizzarmi un po’. Grazie mille, attendo vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

quello che ci scrive farebbe pensare ad un problema psicologico, situazionale e quindi oltre al suo andrologo, in questi casi, sempre bene sentire in diretta un bravo psicologo.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com