Utente 496XXX
Salve, ho 22 anni e da qualche mese ho la mia prima ragazza. Prima non avevo mai avuto esperienze sessuali ma mi ero sempre masturbato da penso i 15 anni con periodi anche intesi(2 o più volte al giorno). Il problema è sostanzialmente che non riesco ad eiaculare né attraverso un rapporto orale né attraverso un rapporto vaginale ma solo attraverso la mia masturbazione che continuo tutt’ora(penso 3/4 volte a settimana e lì per inciso riesco a venire anche in poco tempo senza problemi anche non raggiungendo l’erezione massima che ottengo con la mia ragazza). All’inizio della nostra relazione era addirittura quasi spiacevole la masturbazione con la sua mano ma a poco a poco penso di essermi abituato ed è diventata piacevole un po’ come tutto il resto del rapporto e adesso è davvero piacevole ma a quanto pare non abbastanza e molte volte interrompiamo perché siamo stanchi non perché raggiungo effettivamente l’orgasmo. L’erezione è sempre ottima e dura dall’inizio alla fine, io provo piacere e a volte sembro quasi arrivare al punto di eiaculare ma non riesco. Smettendo di masturbarmi da solo potrebbe migliorare la situazione? Quando finiamo a volte mi viene mal di pancia e ho letto in altri post che è dato dal fatto che non ho eiaculato ma ve lo dico per essere il più completo possibile. Inoltre ho un’altra domanda: io tendo a masturbarmi spesso con la gamba sinistra incrociata sopra con la destra e attaccate insomma non è proprio necessario riesco a fare anche senza ma tutto viene molto più facile non so perché ho preso questo vizio se così si può dire e volevo sapere se potesse aver in qualche modo influito e se sia di per sé una cosa negativa.
Oltre ad essere spiacevole lì sul momento, questo problema ci fa sentire parecchio male perché io finisco per sentirmi sostanzialmente impotente e lei come se non riuscisse ad eccitarmi abbastanza. In più continuo a pensare che se a quest’età ho già questi problemi immagino possa solo andare peggio, quindi non vedo l’ora di risolverlo.
Grazie in anticipo per l’aiuto

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

tutto quello che ci racconta farebbe pensare ad una importante componente psicologica al suo problema sessuale.

Senta ora comunque in diretta il suo andrologo di fiducia.

Detto questo, se desidera avere poi più informazioni dettagliate su questa disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 496XXX

Grazie innanzitutto dell’aiuto volevo poi sapere cosa mi consiglia di fare oltre ad andare da un andrologo. Nel caso fosse psicologica cosa posso fare? Si può curare? Se si in quanto? È possibile che sia colpa del partner? Mi spaventa un po’ la cosa.
Grazie ancora della disponibilità
Saluti

[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Buongiorno,
assolutamente d’accordo con le indicazioni ricevute dal dottore Beretta.

Le dico che non è possibile sapere da questa postazione quali siano le cause del suo disagio psichico.

Lei necessita di una diagnosi andrò sessuologica.

Oggi in clinica non si può analizzare il corpo senza lizzare la psiche la relazione, così come non è possibile analizzare le dinamiche psichiche profonde senza analizzare il corpo.

Le allego una lettura che contiene anche una video intervista sull’argomento, la consulti e decidere di conseguenza il da farsi.

Lei è molto giovane, quindi, se inizia lavorare sin da subito sulle sue problematiche le risolverà in tempi adeguati.

https://www.valeriarandone.it/eiaculazione-ritardata-cause-cure/
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it