Utente 524XXX
Gentili dottori Circa 4 anni fa a seguito di un trauma da autosfregamento del pene ho sentito come strappare e un leggero dolore. A seguito di questo il pene ha perso subito consistenza nella parte distale sotto il glande per intenderci. il giorno dopo al risveglio lo trovai gonfio di colore più scuro e molto caldo quasi bollente e quello che mi impressionò era la mancanza di rigidità sempre in tale zona. Ho aspettato per vedere se si sistemassero le cose ma niente. Il pene o non riusciva più ad andare in erezione o in caso mancava di rigidità quasi sempre nella zona del presunto trauma sotto il glande la punta insomma. Da li iniziarono anche problemi ad urinare, avevo e ho sempre lo stimolo e vado anche 12 volte al giorno. Andai a fare la prima visita e mi fu detto che era una semplice leggera prostatite. Nonostante la cura niente, stessi problemi il prepuzio aveva cominciato a stringere ed era sempre arrossato e con delle piaghe tanto che in seguito la dermatologa mi disse che era lichens (diagnosi poi rivelatasi errata) poi capirete perchè. In parole povere, fastidio costante misto a bruciore al pene sia in erezione che a riposo, ogni tanto si gonfiava sotto scroto e pene a seguito del prurito. Faccio allora una seconda e una terza visita da urologi differenti dove secondo loro il pene non aveva problemi (visite con leggera palpazione) e relative ecografie a pene statico dove non si vedeva nulla. I problemi tuttavia continuano faccio una quarta visita dove porto delle foto, diagnosi questa volta è leggera fimosi con frenulo corto consiglia quindi la circoncisione. Decido quindi per la circoncisione dato che la dermatologa aveva diagnosticato anche il lichens. Circoncisione effettuata il 5 giugno 2018 son passati quindi 9 mesi. l' istologico niente lichens. 7 mesi dopo la circoncisione i problemi sempre gli stessi costante fastidio bruciore e la curvatura del pene (molto strana) vi posso mandare foto ma il pene si gira, per intenderci mettete una mano davanti a voi aperta e ruotatela verso destra, il pene è come se si contorcesse. Questo naturalmente era iniziato prima della circoncisione. Torno dal urologo dove dice che il pene non ha niente (pure lui) ma mi fa fare finalmente un ecocolordoppler. Diagnosi, Ispessimento concentrico della guaina di rivestimento dei corpi cavernosi alla base del glande, riferibile a tessuto fibroso visualizzabile anche in corso di erezione. Il dottore che mi ha fatto l'eco mi ha detto che è perfettamente concentrico e che poteva essere la circoncisione. Torno dal urologo e faccio un ciclo di iniezioni di bentalan senza particolari miglioramenti. La mia domanda è questa, voi ci capite qualcosa? :)) placche riferibili ad una vera e propria ipp sembrano non esserci quindi cosa dovrei fare? quale terapia? soprattutto per la curvatura e i continui fastidi? può essere un problema di nervi? c'è una lesione e non c'è niente da fare? lo chiedo a voi perchè son disperato e nessuno riesce a darmi una risposta precisa.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
può capire bene che dopo tante valutazioni dirette che non l'hanno soddisfatta vi sono ben poche possibilità che una valutazione via web, senza avere la possibilità di valutarla, possa dare una interpretazione corretta. Credo di capire la sua frustrazione ma temo che non vi siano alternative ad una valutazione diretta, dove portare anche delle auto fotografie scattate in massima erezione, da diverse prospettive.
Ci faccia poi sapere.

Cordialmente,
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it