Utente 524XXX
Salve, ho 30 anni e sono stato diagnosticato con un varicocele di II/III grado, tutt'altro che asintomatico: dolori al testicolo, a volte che continuavano per settimane, sensazione di calore e pesantezza, soprattutto durante attivita fisica, bicicletta, attivita' sessuale. Questo si accompagnava a erezione diminuita e a volte orgasmo secco (senza eiaculato), forse dovuto ad una diminuzione del testosterone provocata dal varicocele. Il medico curante, con apprezzata onesta', mi ha detto che non credeva che tutti questi miei problemi derivassero dal varicocele, ma in parte probabilmente si'.

Circa una settimana fa (martedi' 5) sono stato operato tramite la procedura della scleroembolizzazione. Sono stato visitato dopo 5 giorni, non avevo quasi piu' dolori e il dottore mi ha detto che stava procedendo tutto bene, se non che' dopo 5 giorni i dolori sono ricominciati, addirittura un po' piu' forti di prima. Ora sono passati 8 giorni e ho ancora dolori. L'operazione e' avvenuta in italia ma vivo in inghilterra, e quindi non posso piu' rivedere il mio medico curante.

Quello che volevo sapere e': quanto e' normale, dopo 8 giorni, avere ancora dolori? Quanto tempo dureranno? Vuol dire che l'operazione non e' stata un successo? Vuol dire che i miei dolori non erano dovuto al varicocele?

La ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In effetti è difficile pensare che il varicocele possa influire direttamente sui disturbi della sfera sessuale, poichè la produzione di testosterone non è condizionata dalla temperatura (come invece quella degli spermatozoi) e comunque il testicolo destro sarebbe in grado di supportare pienamente il fabbisogno ormonale. La sclero-embolizzaziine è un intervento semplice e minimamente invasivo, ma è soggetto ad alcune variabili di efficacia rispetto alla legatura chirurgica tradizionale delle vene spermatiche. A distanza non è possibili giudicare cosa stia avvenendo nel suo caso, la valutazione diretta è quindi indispensabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing