Utente 182XXX
Buonasera, scrivo per mio marito. Adulto normopeso di 35 anni.
Abbiamo effettuato degli accertamenti medici dopo aver recepito la necessità di urinare durante i rapporti sessuali. Il primo incontro nel giugno 2016, dove l urologo nota una prostata leggermente ingrossata. Consiglia esame delle urine (uscite nella normalità) ed esame dello sperma con spermiocultura e qui il primo problema.
Dagli esami risulta azoospermico e positivo alla gardnerella vaginalis (che nn hanno fatto trattare). Abbiamo eseguito un mese dopo presso il policlinico Umberto I un nuovo spermiogramma di seguito riportato:
Astinenza: 3gg
Volume: 0,7ml
pH : 7,3
Aspetto: acquoso
Viscosità: aumentata ++
Fluidificazione: irregolare
Concentrazione spermatozoi: num/ml 7.000.000 concentrazione eiaculato: 4.900.000 motilità rett 5% 5% discinetica
Motilità totale 10%>
Tipici 2% atipici 98% leucociti 200.000 corpuscoli prostatici: rari.
Testosterone, Lh e fsh nella norma.
Ha eseguito un eco doppler testicolare (tutto bene).
Un ecografia prostatica transrettale, dove si evince una normale dimensione della prostata e omogenea. Vescicole seminali nella norma e residuo post minzione assente
In agosto 2017 rimango incinta di un bellissimo bambino e tutto va bene.
Ora desideriamo avere un secondo figlio...ma non arriva.sono circa 8 mesi.
Abbiamo eseguito uno spermiogramma: volume 0,5ml pH 7,8 aspetto: acquoso viscosità: aumentata +++ fluidificazione: irregolare numero spermatozoi/ml inferiore a 100.000 e concentrazione eiaculato: non valutabile. Leucociti 3.800.000 elementi linea spermatogenesi: presenti corpuscoli prostatici: presenti.
Dopo questo disastroso spermiogramma, il nostro medico ha analizzato il mio muco cervicale in periodo di ovulazione dopo rapporto sessuale, dopo un accurata analisi Ci ha comunicato di non aver trovato alcun spermatozoo.
Ora ci ha prescritto un ago aspirato testicolare.
Non può soffrire di eiaculazione retrograda?
Inoltre non può essere anche un azoospermia di tipo ostruttivo?
Inoltre ho notato che lui quando ha un eiaculazione, la produce a colata ed è acquosa.
Il mio dubbio sorge nel pensare come è possibile che in un anno e mezzo ci sia questo repentino peggioramento...il nostro dottore andrologo a questa domanda a risposto (NON LO SO) ed è per questo che noi ci sentiamo.sperduti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

difficile parlare di azoospermia ; nel liquido seminale di suo marito ci sono comunque degli spermatozoi e quindi al limite si può parlare di criptozoospermia ; situazione clinica che deve essere ora attentamente valutata in diretta insieme al vostro specialista di fiducia.

Detto questo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su cosa è una azoospermia, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 182XXX

Buonasera dott Berretta,
Anche nel secondo spermiogramma lei afferma si tratti di criptospermia?

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esatto viene riportato da lei un "numero spermatozoi/ml inferiore a 100.000; l’azoospermia si definisce come assenza completa di spermatozoi nel liquido seminale.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 182XXX

Con un quantitativo così irrisorio di sperma espulso di aspetto acquoso.si potrebbe parlare di una criptospermia di tipo ostruttivo?

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Difficile, da questa postazione, sospettare o addirittura confermare una tale ipotesi eziologica.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com