Utente 509XXX
Salve,
dopo un priapismo causato da dosi estremamenti elevate di diazepam per agitazione in ospedale (ho gaba-a inibito da cannabis terapeutica)
e erezione durata due giorni circa il pene era triplicato di volume e non ossigenato.
La diagnosi dopo l'ecodoppler è di fibrosi (cicatriziale) diffusa e 2 placche una a sx e una dx. Fuga venosa di tot ml/sec

Il mio specialista....
che mi ha operato, ritiene che invece di una protesi alla mia età di 41 anni, visto che andrà cambiata,
mi devo accontentare del mio stato attuale:
(Non ho controindicazioni alla protesi)

Pompa a vuoto 2 volte al giorno
compresse di viagra 2 volte al giorno
iniezioni di caverject da 30mcg una volta a settimana

Con questo riesco ad ottenere una erezione quasi soddisfacente 1 giorno alla settimana usando l'elastico costrittivo alla base del pene.

Domandavo a voi urologi o medici di ogni specializzazione se

è' una vita sessuale umanamente sostenibile....? e urologicamente corretta....?
(soffro gia di depressione e ansia)

Grazie anticipatamente

[#1]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la risposta alla sua domanda se la deve dare lei: a lei giudicare se quanto sta mettendo in atto è di sua soddisfazione o meno.
Tenga conto che dagli elementi che ci forniscel'eventuale ricorso a soluzioni alternative (protesi) va valutato dopo avvallo psichiatrico, alla luce di agitazione - ansia - trascorsi di agitazione con ospedalizzazione.

Cordialmente,
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#2] dopo  
Utente 509XXX

Dottore,
ovviamente la valutazione mia e di altri dottori,
è che cosi è un calvario,
farmaci che comunque intossicano oltre gia quelli che prendo,
sidenafil e taladafil per rapporti comunque programmati,
iniezioni di aprostadil dolorose e comunque non curative e di breve durata,
vacuum device dolorosa con ematomi e perdite di sangue (l'urologo ha detto che va bene ugualmente)

Io mi preoccupavo della protesi per la non spontaneità del rapporto... Ma cosi è molto peggio
In questo stato ho ricominciato anche a bere...
(sono in cura con alcover)

Il fatto che vada sostituita che significa?
Che controindicazioni ha?

Grazie

[#3]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Quello che rimane spontaneo è il desiderio, poi per ottenere erezione è richiesta una attivazione manuale, è vero, che però le permette di ottenere un'erezione valida in pochi secondi. Ma anche l'erezione farmacologica non è spontanea: i farmaci orali richiedono una pianificazione, il farmaco intracavernoso richiede una puntura nel pene, il vacuum è tutt'altro che spontaneo.
-Sostituzione: come altre protesi (ad esempio protesi d'anca o di ginocchio) dopo 10-15 anni vi possono esser dei malfunzionamenti che richiedono la sostituzione della protesi malfunzionante con una nuova protesi.
-Controindicazioni? Non essere psicologicamente pronti all'impianto o avere un diabete fuori controllo metabolico.

Cordialmente,
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#4] dopo  
Utente 509XXX

Salve Dottore,
Le protesi sono soggette a rottura,
visto il costo dei soli componenti (enormemente esosi)
ho contattato AMS ma la garanzia era a vita poi di 10 anni ora di 5....
Non so se lei sa se c'è un'assicurazione per tutelarsi da rotture etc..

Grazie

[#5]  
Dr. Gabriele Antonini

40% attività
12% attualità
16% socialità
SPAGNA (ES)
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
A 41 anni la soluzione al problema è unicamente la protesi idraulica.La cosa che deve sapere è che l’intervento sarà abbastanza complesso perché dopo un Priapismo come il suo la fibrosi del pene sarà tenace e difficile da dilatare.Personalmente ho trattato diversi pazienti come lei e le posso garantire che più aspetta e più difficile sarà l’intervento.In più la dimensione del suo pene andrà riducendosi nel tempo che intercorre tra il Priapismo e la procedura chirurgica d’impianto.In bocca al lupo
Dr. Gabriele Antonini
Urologo Andrologo
www.antoniniurology.com
www.protesipeniene.it