Utente 544XXX
Salve a tutti, sono nuovo e volevo porvi qualche domanda circa la mia vita sessuale.
Dunque da qualche anno a questa parte le mie erezioni durante i rapporti fanno i capricci, mi spiego meglio, un giorno si presenta perfetta, un altro giorno parte perfetta e si arrende a metà strada un altro giorno ancora proprio non ne vuole sapere, ciò mi crea un po d'ansia ed è davvero frustrante...
Sperimento alle volte difficoltà a percepire piacere durante il rapporto con conseguente ritardo dell'eiaculazione, situazione mortificante anche se la mia partner si mostra sempre molto comprensiva...
Noto una certa differenza che qualche anno fa avevo un estremo controllo sull'eiaculazione, ovvero riuscivo a raggiungere l'orgasmo come e quando volevo, situazione che ricordo come molto appagante...
Adesso invece quanche volta (quindi non sempre) avverto una certa resistenza a raggiungerlo e il piu delle volte subentra una sorta di accanimento a doverlo raggiungere per forza con conseguente sfinimento e totale arresa tanto che mi butto a lato e perdo pure l'erezione...
Premetto delle cose che fin ora ho avuto 3 relazioni importanti nella mia vita, di cui le prime due sono state davvero una delusione, invece con la mia partner attuale progettiamo un futuro più concreto, parlo di questo per allegarmi ad un possibile problema di natura psicologica. Ho provato e fatto una sola seduta con un psicologo ma ahimé le sedute sono care e ho gettato la spugna... d'altronde non sono neanche molto certo che la problematica possa dipendere da una componente di natura psicologica...
Mi sono pure chiesto se il problema della poca sensibilità (che comunque è molto alternata) possa essere anche una conseguenza legata alla parte meccanica del mio pene... ho sempre avuto il prepuzio esuberante, nessun tipo di fimosi, solo eccesso di pelle che, anche in erezione riesce a coprire interamente il glande e ne rimane ancora qualcosa in eccesso... durante un normale rapporto sessuale intromettendo il pene in vagina, il glande si scopre completamente, ma al momento di estrarlo si ricopre completamente, e cosi per tutta la durata del rapporto... mi chiedo se questo potrebbe ostacolare la mia sensibilità al piacere visto che comunque il glande non viene sempre a contatto diretto con le pareti vaginali dato che il prepuzio lo ricopre...
Ho pensato ad una circoncisione parziale che mi permetta di far ricoprire il glande a pene sflaccido e di scoprirlo e mantenerlo scoperto durante le erezioni...
Ma non vorrei accrescere ulteriormente il problema vista la mia già ritardata eiaculazione e da quanto ho appurato la circoncisione fa perdere ulteriormente sensibilita al glande...
Sperando in consigli e pareri di esperti come voi porco diatinti saluti...

[#1]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il prepuzio esuberante può essere causa di minore sensibilità.Va da se che solo una visione diretta con relativa diagnosi,possa definire il quadro clinico e,eventualmente, guidare una corretta terapia,farmacologica o chirurgica. Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 544XXX

Dott. Izzo la ringrazio per la consulenza...
Vedrò presto di fare una visita da uno specialista e visionare la situazione in modo piu concreto...
Un caro saluto

[#3] dopo  
Utente 544XXX

Salve cari Esperti, qualche giorno fa ho effettuato una visita da un andrologo circa il problema sopra elencato...
Il medico dopo una prima consultazione verbale mi ha visitato ed escluso problemi d'origine meccanica...
Mi ha quindi prescritto dei farmaci: bioarginina fiale da prendere una volta al giorno per un mese e sildenafil 25mg mezz'ora prima di ogni rapporto sempre per un mese, premetto che ancora non li ho nemmeno acquistati... volevo pareri, se possibile, anche da parte vostra...
Volevo aggiungere che ieri, intraprendendo un rapporto con la mia partner ho avuto un erezione strabiliante, ma che purtroppo come al solito non percepivo nessuna sensazione con conseguente ritardo eiaculatorio, anzi a dire il vero nonostante le continue stimolazione non sono proprio riuscito ad arrivare all'orgasmo, e nonostante l'erezione la condizione mi ha poi portato a perderla del tutto...
Inizio seriamente a pensare che sia un riflesso di tipo psicologico, una sorta di autosabotaggio...
Un caro saluto