Utente cancellato
Salve Dottore. L'ho già contattata in passato ed ora la ricontatto in seguito ad uno strano evento che mi è capitato pochi giorni fa. Premetto che ho una storia familiare positiva per morte nel sonno. Studio elettrofisiologico negativo, test alla flecainide negativo (effettuati nell'anno 2013) . Ecg, eco e prova da sforzo nei limiti della norma. Ultimo holter effettuato 20 giorni fa: fq media 100 bpm talora con lieve variabilità ciclica R R come da fasismo respiratorio / fq minima 65, fq massima 145 / 2 BEV/ 2BESV / sporadici BSA. Sono ansioso e somatizzo molto questa mia ansia con tachicardie e gonfiore allo stomaco (soffrendo anche di ernia iatale e gastrite avendo anche effettuato gastroscopia). Il problema è il seguente: ero seduto sul divano dopo pranzo e dopo aver avuto una mattinata abbastanza nervosa con annesso gonfiore allo stomaco e scombussolamento intestinale. D'un tratto avverto un forte tuffo al cuore che mi fa sobbalzare dal divano, avverto una sensazione come se il cuore si fermasse o fosse pronto per scatenare qualche aritmie e prestando attenzione avverto come una doppia o una tripla extrasitole consecutiva molto fastidiosa che mi ha causato un sensazione di vuoto in petto, di calore e ovviamente di ansia. Mi è già capitato in passato ma essendo eventi sporadici non me ne ero preoccupato più di tanto, anche in seguito agli esiti degli accertamenti. La mia domanda è se queste doppie o triple exstrasistoli consecutive possono essere pericolose, considerando tutti i fattori che le ho spiegato. È possibile che in quel momento si stava innescando una pericolosa aritmia? Premetto che le ho sempre avvertite in concomitanza con i gonfiori di stomaco e scombussolamenti intestinali, ma non più di una volta al mese. Sono abbastanza preoccupato e avrei bisogno di un suo gentile consulto. Grazie infinite per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Le garantisco che neppure un cardiologo esperto potrebbe diagnosticare un coppia od una tripletta di extra ne' distunguere tra un'extra ventricolare ed una sopraventricolare solo con il rilievo clinico.
Lei ha presentato qualche banale extra amplificate dal suo perenne stato ansioso

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
436487

dal 2018
La ringrazio infinitamente per la risposta e soprattutto per la delicatezza con la quale risponde sempre alle persone che le chiedono un consulto. A preoccuparmi è stato il fatto che queste forti extra sono sorte improvvisamente con una forte sensazione di calore improvviso e di vuoto in petto ed allo stomaco.. Poi i ripetuti "tonfi" consecutivi (ne saranno stati due o tre, ognuno con la stessa sensazione di calore e di vuoto avvertiti alla prima) che mi hanno destato preoccupazione in quanto pensavo fossero un inizio di una qualche pericolosa aritmia. Assumo valpinax compresse all'evenienza per placare i gonfiori e dolori gastrointestinali legati ad ansia e stagionalmente faccio una cura di 28 giorni per ernia e gastrite. Data la situazione che le ho spiegato (compresa la familiaritá ed il fatto che qualche anno fa abbia eseguito accertamenti invasivi) , sarebbe il caso ripetere accertamenti cardiologici ogni 6 mesi o un volta l'anno va anche bene? Grazie infinite dottore.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non vedo perche' una persona con cuore sano, alla sua eta' debba ripetere accertamenti cardiologici annualmente.
Non ce n'e' bisogno

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
436487

dal 2018
Grazie dottore. Lo faccio più che altro perché mi fisso sulla questione familiaritá (per cui qualche anno fa fui sottoposto anche ad accertamenti invasivi che le ho citato sopra) e quando accadono questi sporadici eventi mi preoccupo ancora di più, forse eccessivamente. Comunque seguiró il suo consiglio, cercherò di non badare troppo agli scherzi della mia ansia. Un'ultima domanda e la lascio in pace: il valpinax va bene come farmaco se preso all' evenienza?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Certamente.
Farmaco vecchio ma efficace

Arrivedeerci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
436487

dal 2018
Mille grazie dottore. Grazie per la sua immensa professionalità. Buon lavoro

[#7] dopo  
436487

dal 2018
Mi scusi se continuo ad importunarla dottore ma avrei un'ultimissima domanda da porle: è rilevante ai fini di ulteriori accertamenti il fatto che il caso di morte improvvisa in famiglia sia avvenuta in giovane età?

[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La rimando alla mia risposta n* 3 dove le ho scritto:

"Non vedo perche' una persona con cuore sano, alla sua eta' debba ripetere accertamenti cardiologici annualmente.
Non ce n'e' bisogno"

La saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
436487

dal 2018
Grazie ancora di cuore dottore e mi scusi se sono stato petulante. Le auguro una buona giornata