Utente 292XXX
Buongiorno sono una donna di 54 anni che soffre da anni di ipertensione asintomatica. I valori della mia pressione al primo controllo circa 6 anni fa risultavano 150/100 e quindi dopo esami vari e holter pressorico il cardiologo mi prescrisse un betabloccante 1 compressa di Lodoz 5 mg la mattina. Nonostante questo la situazione non migliorava di molto soprattutto per i valori minimi e quindi da un paio di anni mi ha aggiunto anche una compressa di Lodz 2,5 mg la sera prima di cena. A tutt'oggi i valori con questa terapia sono molto altalenanti e vanno dai 130/89 ai 147/97 con occasionalmente picchi più alti o a volte più bassi sia di mattina che di sera ma la minima non scende mai sotto gli 80. Le carotidi risultano libere nella norma ma io ho una trombofilia genetica che mi mette in ansia proprio per questi picchi pressorici di cui soffro. Negli ultimi 15 giorni il mio medico curante data la mia preoccupazione ha provato a sostituirmi la terapia con 1 compressa di Cosyrel 10mg/10mg ma la situazione da me monitorata non ha modificato la situazione. Pur esssendo casalinga e non facendo sport non faccio certo una vita sedentaria e ho una alimentazione di tipo mediterranea. Come posso ridurre questi valori di pressione minima? Gradirei un gentile parere in merito.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se ha una trombofilia accertata spero che almeno assuma anche aspirina, almeno.
Per cio' che riguarda un migliore controllo pressorio, a parte eliminare il sale aggiunto nella dieta, puo' associare alla terapia in atto un calcio antagonista che il suo medico o cardiologo potranno prescriverle

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 292XXX

la ringrazio dottore della risposta. Il cardiologo non mi ha mai prescritto aspirina nè altri farmaci oltre quello elencato, prendo solo dell'acido folico da sempre per tenere sotto controllo l'omocisteina (che è altalenante tra valori superiori o inferiori al normale nonostante prenda sempre la stessa compressa e dosaggio cioè Prefolic 15). Non ho ben chiaro cosa siano i farmaci calcio antagonista e quali siano gli eventuali effetti collaterali e soprattutto se potrebbero aggravare un altro problema di cui soffro e cioè la produzione continua di calcoli renali di ossalato di calcio.
Per altro anche mio figlio ha la stessa mia mutazione genetica ed è stato operato quasi 15 anni fa di DIA e cleft mitralico e il cardiologo non gli ha mai prescritto alcun farmaco tranne nei mesi scorsi acido folico.