Utente 236XXX
Salve, ho 40 anni ed alcuni problemi di salute da un pó di anni.
Sono in menopausa precoce da 7 anni per aver avuto un endometriosi grave.
Da circa un anno e mezzo, ho tachicardie con battiti che raggiungono anche i 158 (riscontrati con holter cardiaco). Prendo inderal un quarto di 10 mg.
Solo che da circa 2 mesi non mi sento bene. Ho spesso vertigini. Compressione forte sul petto a sinistra. Mal di testa. Nausee e paure per questa condizione.
Sono stata anche in terapia con triatec per pressione alta per 5 mesi ma per fortuna da un mese la pressione è ottima. Anzi pure bassa.
Il cardiologo mi ha tolto triatec da 2,5 e sostituito con cardicor da 2,5 l inderal.
Ma niente non passa. Spesso mi accade alla guida di sentirmi male.
In realtà i battiti a volte sono anche 51./
Quindi passo da tachicardia a bradicardia continuamente. Dolori e compressioni sul petto. Capogiri.
Ho fatto anche ecocardiogramma. Lieve prolasso valvola mitrale e nulla piu.
Eco da sforzo tutto OK..
Non ho problemi tiroidei. Esami sangue sono perfetti. Il cardiologo dice che il cuore è OK e devo stare tranquilla. Ma perché ho questi fastidi forti sul petto che possono durare ore e i battiti salgono e scendono?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
nin è ben chiaro se stia assumendo Cardicor da 2,5mg oppure Inderal ( quanto ne assume? perche la,formulazione da 10 mg mi pare piuttosto... bizzarra

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 236XXX

Ho preso inderal ma un quarto di pillola da 40 mg per un anno, ovvero 10 mg al dì.
Poi sostituita da cardicor da 2,5 che prendo ora.
Chiaro ora?
Così è bizzarro? Mi spieghi meglio. Grazie

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Perche' e' una dose da ...scoiattoli anche basandosi sul suo peso.
Il cardicor da 2,5 mg invece e' un dosaggio razionale

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 236XXX

Mi scusi dottore, lei sostiene che nonostante episodi di bradicardia continui, io debba prendere la cardicor da 2,5 seppur mi dia tutti questi fastidi e mi faccia spaventare?
con un quarto di inderal , io mi trovavo meglio.
peso 49 kg e sono alta 1,59

lei che cosa mi dice che è la menopausa il problema o sono le ansie che creano aritmie. Io anche con il mio cardiologo non l'ho capito.

grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La cosa piu' intelligente da fare , dato che lei senala da una parte episodi di tachicardia e dall'altra di bradicardia, e' di ripetere l'holter per valutare l'effetto di quel dosaggio del CArdicor.

Se poi si trovava meglio con l' Inderal lo riferisca al suo cardiologo. Tenga presente pero' che questo faramco dura in circolo circa 8 ore e pertanto andrebbe assuno almeno 2 volte al di se non tre.

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 236XXX

Grazie mille. Si anche il mio cardiologo mi diceva la stessa cosa in merito all'inderal. A me il cardicor mi dà proprio fastidio. A volte mi ha fatto abbassare i battiti tantissimo ed anche la minima della pressione, ho avuto spesso questi valori pressori 88 58 58 e non mi faceva sentire bene.

La verità è che io vorrei proprio toglierli questi beta bloccanti, ma so che non posso farlo tutto d'un botto e che con i miei problemi tachicardici non potrei, ma vorrei tanto elimanarli.

Ho sempre la bocca secca, fastidi alle gambe, a volte una pesantezza che non mi fa camminare. Prima che le assumessi stavo bene. Iniziai a prendere inderal quasi 2 anni fa per episodi di attacchi di panico che mi fecero alzare pressione e battiti e da allora...
ma se volessi evitarli e ridurli pian piano...non esiste nulla di più blando, ma non così invasivo come i betabloccanti?

Grazie mille
Cordialmente
Stefania Piccolo

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Penso che lei difficilmente potra' farne a meno.
Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza