Utente 498XXX
Buongiorno. Sono un uomo di 44 anni operato da un anno e mezzo di dissezione aorta ascendente di tipo A. Sostituzione della stessa fino a emiarco. Fortunatamente intervento ben riuscito senza danni cerebrali permanenti. Dopo ricovero ho cominciato con terapia di Bisoprololo 5 mg una al mattino. Sempre tenendo sotto controllo la pressione arteriosa, da alcuni giorni mi sento molto spossato e ho notato che i miei battiti sono di 43/45 battiti al minuto e la mia pressione sistolica è di 135/150 mentre la diastolica è regolare intorno ai 60. Volevo chiedere se c'è correlazione tra la mia spossatezza ,la terapia e i battiti che mi sembra siano particolarmente bassi. Inoltre volevo chiedere se la pressione sistolica relativamente alta non fosse dannosa proprio per il tipo di intervento che ho avuto, in correlazione alle indicazioni che ho avuto di non alzare pesi proprio per evitare picchi di pressione. Ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se si somministra un beta bloccante il cuore rallenta. Rallentando aumenta il tempo di riempimento e quindi la gittata sistolica. Per questo nella sistole viene eiettato una quantita' maggiore di sangue e pertanto la sistolica aumenta.


arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio per la gentile risposta, la motivazione della mia preoccupazione era che per un anno la p.a é sempre stata regolare, cioè piu bassa, 105/110 sistolica, per la prima volta in questi giorni i valori erano visibilmente più alti, e alle indicazioni del cardiochirurgo la pressione alta era molto controproducente per la patologia che ho avuto.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Puo' ovviare al problema aggiungendo un calcio antagonista al beta bloccante.
Ne parli con il suo medico

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza