Utente 506XXX
Gentili Dottori, non capendo bene cosa mi stia accadendo chiedo consiglio anche a voi.
Premetto che godo di buona salute, ma ho sempre avuto problemi di asma fin da piccolo. Non ho mai fatto visite specifiche per l'asma essendo che non ho mai avuto vere e prorpie crisi(ne soffrivo solamente nei periodi di influenza, ma soprattutto stagionalmente nei periodi di allergia). Solo una volta ho fatto una spirometria prescritta dal mio medico, ma che ha dato esito negativo(sottolineo che in quell'occasione ero sotto cura di bentelan, e già in ospedale mi è stato detto che per il mio problema era necessaria una spirometria diversa da quella prescritta, quella specifica per l'asma allergico).
Premetto inoltre che sono una persona molto emotiva, credo di soffrire di ansia, ed è già accaduto che sia stato protato in Pronto Soccorso a causa di un cardiopalmo. In quest'occasione mi è stato fatto ogni possibile controllo, tutto negativo. Mi è stato detto che era forse un perido stressante.
Ultimamente, forse a causa di colpi d'aria ho avuto un forte raffreddore(con abbassamento della voce). Il raffreddore si è risolto in poco,ma persistendo la tosse e sentendo difficoltà a respirare ho provato ad assumere Bentelan(come era solito darmi il mio medico di famiglia) per due volte al giorno. Notando pochi miglioramenti, mi sono rivolto alla guardia medica, che oltre al Bentelan ha unito il Clenil(aerosol). Quest'ultimo mi dava sollievo per un primo momento, ma successivamente sentivo che la situazione peggiorava sempre più.
Arrivato ad un punto che non riuscivo più a dormire la notte, sentendo veramente molta pesantezza nel respiro, e la tosse ancora persistente, pochi giorni dopo, mi sono rivolto al mio medico di base. Secodno lui non si trattava di asma sia perchè non sentiva nessun sibilio, sia perchè la saturazione era nella norma(99%). Ha rilevato però una tachicardia(108 bpm da seduto, ammetto di trovarmi in periodo di studio e aver assunto anche due caffè al giorno), consigliandomi ancora un elettrocardiogramma e visita cardiologica. Mi ha in più prescritto Ventolin spray.
Io sono sicuro di non aver problemi cardiologici, anche perchè in Pronto Soccorso, mi hanno fatto qualsiasi esame possibile ed immaginabile, tutto con esito negativo. Con il Ventolin ho avuto effetto immediato, e subito sono tornato ad una condizione normale.
Chiedo quindi: si tratta di asma, ansia o problemi cardiologici?
Onestamente ci sto capendo poco, non capisco se è tutta soggezione o effettivamente ho un problema. Sono di nuovo necessari tutti gli approfondimenti al cuore, o sono più necessari(come io credo) aprofondimenti riguardo l'asma.

Grazie in anticipo per la disponibilità

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se è stato meglio con il Ventolin significa che lei aveva broncocostrizione e cioe un attacco di asma

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 506XXX

La ringrazio per la gentile risposta.
Le chiedo un utlima cosa, l'asma è osservabile dai livelli di saturazione nel sangue? Perchè altrimenti non si spiega il motivo per il quale questi fossero nella norma.
In ogni caso, come ritenevo opportuno, procederò con approfondimenti pneumologici.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Un soggetto puo avere broncocostrizione con nkrmale saturazione di ossigeno

Arrivederci

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 506XXX

La ringrazio, buona giornata.