Utente
Buonasera,
Vi scrivo per mia madre di anni 78 con fibrillazione atriale costante scoperta da un anno esatto; sottoposta a due cardioversioni con esito negativo e in cura con Coumadin ( oltre a Congescor 25mg; Lasix, Tareg e Eutirox per tiroidectomia per nodulo tiroideo effettuata circa 5 anni fa) con buoni risultati da molti mesi per quanto concerne stabilità dell'INR (sempre compresa nel range da 2 a 3).
Soffre molto spesso di forte dispnea dovuta (a quanto riferisce cardiologo e pneumologo sia alla Fa che a una bronchite enfisematica cronica); recentemente ha effettuata visita cardiologica presso ASL di Roma e la cardiologa ha consigliato cambio di terapia anticoagulante da Coumadin a Xarelto dopo aver prescritto esami del sangue e delle urine (azotemia, creatinina, clearance creatinina, emocromo, analisi urine ecc)
Le mie domande sono: 1) E' secondo voi corretto e opportuno questo cambio di terapia anticoagulante considerando tale stabilità ottenuta col Coumandin?
2) Non credete sia molto rischioso il passaggio a questo NAO che in caso di complicazioni (emorragie, sanguinamenti ecc) non prevede antidoti validi e può essere fatale? In definitiva vi sembra corretta la procedura di questa cardiologa avallata anche dal medico di famiglia?
In attesa di Vostro riscontro porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Le domande sono intelligenti ed opportune
Sinceramente io non avrei mai sostituito una terapia ben condotta è tollerata con Coumadin iper un nuovo anticoagulante orale

Mi pare di aver risposto esaurientemente

PS eciti il Lasix ad una paziente di quella età . AL contrario la faccia bere e se proprio necessario somministrare un diuretico dell ansa ci abbini un antialdosteronico

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio infinitamente per la puntuale e solerte risposta; anch'io ho molti dubbi circa questa nuova terapia (che a dire il vero non ha ancora intrapreso in quanto volevo un consulto presso altro cardiologo di una struttura pubblica qui a Roma); quanto a Lasix glielo hanno prescritto (credo) anche per via della sua dispnea ma ne parlerò con lo specialista

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Mai il Lasix senz antialdosteronico ...e lo faccia bere almeno 1,5 litri di acqua al di

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Egregio dottor Cecchini un'ultima domanda se le è possibile farlo: può consigliarmi valide strutture pubbliche a Roma ( ed eventualmente bravi cardiologi) esperti nella patologia di mia madre magari anche privatamente al mio indirizzo e-mail? In ogni caso grazie mille per le esaustive risposte

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non ho da consigliarle altro che una struttura universitaria o ospedaliera che sono ottime nella sua citta'

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza