Utente 391XXX
Buonasera ho 42 anni e soffro di pressione alta da circa due anni. Il medico di base,mi prescrisse Perindopril 4mg e Norvasc da 5mg.
In seguito ad un effetto collaterale (tosse) mi sostituì il Perindopril col Kareva 150mg. A causa di una gastroenterite,la pa era scesa molto e mi sospese temporaneamente,il Norvasc. Poco dopo la,pa ,rimase stabile e per due mesi non ho assunto il norvasc. Ora però la pa è sui 145/100 ed ho ripreso da 4 gg,l'assunzione del Norvasc. Volevo chiedervi quanto tempo impiega il Norvasc affinchè faccia effetto e sapere se la combinazione Karvea-Norvasc,fosse corretta. Da segnalare che soffro anche d'ansia per cui,a volte assumo EN gocce (poche). Siccome questo rialzo pressorio mi ha un pò spaventato,è subentrata l'ansia e quindi sto assumendo 5ggt di en. Volevo chiedervi se il tutto rischia di abbassare troppo la pa e se il Norvasc,come effetto collaterale,può portare anche un pò di difficoltà d'erezione e di ansia. Grazie.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Tutti i farmaci antiipertensiva posso indurre problemi di erezione.
Lei probabilmente ha necessita di terapie diverse. Cambiare sartano e calcioantagonista. Ne parli con il suo cardiologo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza