Utente 541XXX
Salve ho bisogno di un parere del cardiologo che possa farmi capire premetto che soffro di ansia e quindi vivo con il terrore giovedi 3 aprile ho iniziato ad avere dolore braccio spalla e mano sinistra, lunedi 8 per la paura sono andata in ps mi hanno fatto ecg ed era ok un prelievo enzimi valori riferimento ck da 0 a 195 io avevo 70,troponina I val.riferimento da 0 a 11,6 ,il mio valore era 1,2 poi ho firmato perche stavano operando mia figlia.ho telefonato al mio medico perche so che gli enzimi si eseguono per tre volte per essere sicuri e quindi stavo nel panico,il mio medico mi ha risposto che enzimi per tre volte si fanno appena arriva il dolore ma quando si ha da giorni uno e sufficente,e mi ha detto che un dolore cardiaco non puo durare una settimana.avendo ancora dolore al braccio vivo con paura oggi sono dieci giorni volevo andare in ospedale ma il mio medico ha detto che perdo solo tempo ce un cardiologo che puo spiegarmi grazie.

[#1]  
Dr. Massimo Scorretti

28% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2006
Caro Signor (non conosco il nome),

come sappiamo, in quanto è una conoscenza molto diffusa, un dolore percepito nella parte anteriore del torace, o al braccio sinistro, sono considerati segni in ipotetica relazione con un problema ischemico al cuore. Se ciò può essere vero ed è stato per anni un elemento divulgato, anche dalla scienza medica, per sollecitare una maggiore e più tempestiva attenzione ai problemi ischemici acuti del miocardio, è altrettanto vero che non basta un semplice dolore o "doloretto", percepito in queste sedi, per poter far scatenare fenomeni ansiosi protratti o terrore di un infarto in corso o imminente. I dolori in cui è implicato un danno alle coronarie - quando presenti - sono, di solito, intensi, laceranti, interessano un'area abbastanza ampia del torace (non un'area semplicemente corrispondente alla punta di un dito) ed hanno una qualità variabile dal bruciore, alla tensione, al dolore, alla lacerazione in cui per l'intensità è percepibile come un qualcosa mai percepito in precedenza. A volte, di contro, non vi alcun tipo di dolore e in altre occasioni il dolore compare nella zona del dorso, ai lati del collo ed in altre sedi. Quindi se da un lato occorre essere sempre vigili e, laddove occorre, anche recarsi al PS, dall'altro non si può vivere con il timore che qualsiasi dolore toracico possa essere ricondotto ad un serio problema cardiaco. Quindi, per concludere, il consiglio è: si faccia controllare da un cardiologo di fiducia che inquadrerà la sua situazione cardiaca che come suppongo potrebbe essere assolutamente normale, segua i suoi consigli e viva in maniera tranquilla.
CORDIALI SALUTI
dott. Massimo Scorretti
Cardiologo Ematologo