Referto ecg holter e visita aritmologica

Salve, mia madre di 80 nel mese di febbraio scorso ha effettuato un ecg holter che ha evidenziato quanto segue: RS con FC media di 82 bpm, min 41 bpn notturna; frequenti BEV (circa 19393) ad un'unica morfologia, spesso bigemine, interpolate, con rare coppie; extrasistoli sopraventricolari (circa 3.216), talora ripetitive, con coppie, Triplett e e diverse salve; 3 episodi di T.
P.S.
V. di cui uno condotto con aberranza, il più lungo della durata di 30 sec.
; 1 episodio di T.
V.N.
S. di 14 battiti a circa 140-150 bpm; assenza di modificazioni ischemiche transitorie; no pause.


Premetto che mia madre non è diabetica.
In passato ha sofferto di ipertiroidismo con due recidive e circa un anno e mezzo fa ha subito un intervento di iperparatiroidismo primitivo.


Abbiamo mostrato il referto al cardiologo che lo ha prescritto ma non ci ha detto nulla di che, quindi siamo andati a visita da un aritmologo da cui è emerso:

ECG: RS 75 bpm, nei limiti di norma.


PA: 115/80 mmHg (ma venivano di fretta per la visita).


OBIETTIVITÀ: buon compenso c-c.
Toni cardiaci validi e ritmici.


ECOCARDIOGRAMMA: ventricolo sn: dimensioni normali (DTD 4mm), normali spessori parietali (SIVd 11mm), non difetti di cinetica regionale, FE 60%.
Ventricolo dx: normale.
Cavità atriali: normali.
SIA: integro.
Valvola mitrale: normale, continente.
Valvola aortica: tricuspide, continente.
Valvola tricuspide: continente.
Aorta: radice nei limiti, tratto ascendente lievemente ectasico.
Pericardio: non versamento.
Aorta addominale di normali dimensioni.


ECODOPPLER-TSA: assi carotidei con lieve ispessimento mio-intimale.


TEST ERGOMETRICO MASSIMALE AL CICLOERGOMETRO: negativo per sintomi e segni ecg di ischemia inducibile.
Normale andamento pressori.
Extrasistoli a ventricolare bigemine al basale, che scompare con lo sforzo fisico, all'apice alcune coppiette e triplette.


CONCLUSIONI: extrasistoli a ventricolare monomorfa frequente, una TVNS asintomatica, non cardiopatia strutturale, test ergonometrico negativo.


TERAPIA: Cardioaspirina 100 mg 1cp, Plaunazide 40 mg 1cp (entrambe già assunte) + Frequil 50 mg 1cp al mattino a digiuno.


Ora, visto che non ci è stato ben spiegato, la mia domanda è: dobbiamo preoccuparci seriamente per questo episodio di TVNS e cosa potrebbe rischiare mia madre?
La terapia con Frequil può tenere sotto controllo il problema ed inoltre è adatta visto che mi è sempre stato detto dai cardiologi che mia madre è bradicardica?


Mi scuso per la prolissità e vi ringrazio anticipatamente.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,1k 2,7k 2
In realta' il Frequil (flecainide - che non si somminiustra certo a 50 mg al di ma almeno a 100-150 mg al giorno ) e' attivo sulle sopraventricolari ma NON sulle ventricolari

Se l'episodio di TVNS fosse vero (non vedo il tracciato) avrei optato per un beta bloccante

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dottore per la celere risposta. Il dosaggio ci è stato giustificato per via dei battiti bassi. Quindi, a questo punto, cosa ci consiglia di fare? Il Frequil potrebbe essere dannoso?
Non so se e come fare per farle vedere il tracciato.
Grazie ancora.

Ecco il link dell'immagine. Spero si veda
Credo sia questa la pagina del referto a cui si riferisce l'episodio di TVNS.
https://drive.google.com/file/d/1nwqB49yCuO9CprJncsfAufXEFm9qhaIy/view?usp=drivesdk
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,1k 2,7k 2
richiede autorizzazione all' accesso delle immagini ed io non la ho

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio