Aritmie cardiache , sincope e dentista

Salve,
scrivo qui per chiedere un consiglio su come procedere per risolvere questa mia situazione.

Io soffro di aritmie cardiache e sincope, e dall'ecocolordoppler risultava anche insufficienza mitrica lieve e triscupidale lieve/moderata (paps 35mmhg)
Sono in cura con betabloccante cardicor 1, 25 mg due volte al giorno.
Non svengo più da due anni.


Ho il dente di giustizia che è già uscito e cresciuto, sopra a desta, ma continua a darmi fastidio spesso di notte.

Il mio dentista dopo avere visonato l' ortopanoramica ha detto che è da togliere...
Il problema è che lui, che mi segue da poco, essendo a conoscenza di questo mio problema del cuore si rifiuta perché potrei avere complicazione con l'adrenalina.



Mi ha consigliato di andare all'ospedale, ma causa della pandemia non è possibile prenotare nulla.


Il cardiologo qualche anno fa mi aveva detto di dire al dentista di evitare la puntura con l'adrenalina.


Cosa ne pensate?

Come si procede in certi casi?

Potrei veramente rischiare tanto se vado da un altro dentista e lo tolgo con l'anestesia con adrenalina?

Io non mi posso permettere le cliniche private dove solo la presenza dell'anestesista mi hanno detto costa 300 euro.


Grazie
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 70,9k 2,6k 2
Non ho capito se lei sia stata indagata con un Holter per cio che riguiarda le sincoipi (ma sono sincopi o svenimenti -perche' non e' la stessa cosa..)

Per cio che riguarda il dentista basta che il Collega le pratichi l'anestesia senza adrenalina ( la cosiddetta anestesia verde)

Arrivederci

cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa