Utente 432XXX
Buongiorno,
dal 2005 ho una macchia circolare sulla caviglia sinistra. Ho visto vari dermatologi, qualcuno parla di psoriasi, altri di dermatite atopica. Su internet ho trovato una terza definizione: eczema nummulare. Negli anni ho provato di tutto: cortisonici, emollienti, antimicotici. Solo con l'uso massiccio di unguenti cortisonici c'è stato un leggero miglioramento che però portava la macchia a "spostarsi" di luogo, facendola diventare ancora più estesa rispetto al 2005. La stessa macchia mi è venuta anche sul cuoio capelluto: per un paio di anni era dietro sulla nuca, abbastanza ampia, poi di colpo è sparita e si è "trasferita" sull'attaccatura dei capelli, sopra la fronte. Da bambino ero molto allergico a noci (frutta secca in generale), alle uova e alla ricotta, tutte cose che oggi mangio senza improvvisi sfoghi cutanei o problemi intestinali. Sto valutando l'idea di sospendere l'uso di determinati cibi: mozzarella e arachidi. Pensate possa essere una soluzione al problema? Vi mando la foto della macchia sulla caviglia.
Grazie e cordiali saluti

https://ibb.co/c63vc7

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Una cosa chiara: una singola chiazza permanente di tipo eczematoso NON pu essere relazionabile ad allergie, soprattutto alimentari!

Per il resto, direi che sia ora di fare una diangosi precisa: sappia che essa si può ottenere non solo con la visita ma anche con la dermoscopia digitale della lesione e - su scelta del dermatologo - anche con un piccolo prelievo bioetico.

La diagnosi non può mancare: la produca e la cerchi con fiducia con un esperto dermatologo di sua fiducia che possa effettuare tutte le metodiche elencate

Saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 432XXX

Grazie mille della velocissima risposta!
In realtà alcuni anni fa mi è stata fatta la biopsia del tessuto, il risultato è stato: neurodermite. Il problema è la terapia: il cortisone (betametasone, mometasone) non ha prodotto risultati voluti e la macchia si è soltanto allargata. Perciò ho pensato che il problema fosse alimentare ... Non so più che fare, la macchia si desquama, mi prude, ogni tanto sanguina dopo la doccia. Quella sul cuoio capelluto va e viene, non è così squamosa come sulla caviglia.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Ecco quindi la diangosi esiste: istologicamente la diagnosi di neurodermite è "lichen simplex" ed è causata da un trattamento metodico della zona; la pelle non c'entra nulla, essa si difende solo agli attacchi esterni (grattamento) a causa del prurito incoercibile.

Ad ogni modo il controllo dermatologico è essenziale.
Saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 432XXX

Grazie mille, dottor Laino! Posso chiederLe ancora una informazione? La terapia è soltanto cortisonica o esistono altre cure meno "aggressive"? Lei solitamente cosa consiglia ai suoi pazienti che presentano il lichen simplex?

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Prescrivo terapie topiche, sistemiche in base al caso, ma di certo non posso indicarle qui..

Saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it