Utente 507XXX
Buongiorno dottori,
a seguito di una sospetta micosi delle dita dei piedi e delle unghie (autodiagnosticata, ma abbastanza evidente), ho applicato quotidianamente per alcuni giorni dell'olio essenziale di cannella e di citronella tra le dita dei piedi e sulle unghie. Dopo alcuni giorni ho cominciato a sviluppare una reazione cutanea che è cominciata con un prurito fortissimo e che è evoluta con arrossamento di tutte le dita dei piedi, forte gonfiore dei piedi fino alla caviglia, comparsa di bollicine piene di siero e grandi vesciche in corrispondenza dei punti dove applicavo l'olio essenziale. Dopo pochi giorni dalla comparsa dell'eczema alle dita ho notato anche un ingrossamento dei linfonodi dell'inguine e un arrossamento di scroto e prepuzio con annesso prurito di queste parti. Oggi, dopo una decina di giorni dall'inizio della reazione (che immagino sia una DAC), mi sono svegliato con le braccia completamente ricoperte di bollicine pruriginose (per ora solo rosse e in rilievo, ma prive di siero) dai polsi fino alle ascelle e con delle macchie rosse su petto e spalle. Le stesse bollicine mi sono apparse sui piedi dalla base delle dita fino alle caviglie, seppur in misura e gravità molto minori rispetto alle dita. In queste zone non ho mai applicato l'olio essenziale. Aggiungo che ho richiesto una visita a domicilio del mio medico (non riesco a camminare) che mi ha solo prescritto una compressa di fluconazolo 150 mg una volta alla settimana per 3 mesi (per la micosi) e uno spray alla vitamina E per il trattamento dell'eczema e delle vesciche alle dita dei piedi. In realtà per il momento sto trattando l'eczema sulle dita dei piedi con una crema al betametasone valerato + gentamicina solfato e il prurito alle parti intime con una crema più blanda all'idrocortisone acetato.
Inutile dire che dalla comparsa del prurito ho evitato del tutto il contatto con gli allergeni che mi hanno provocato la reazione.

Ho dunque 3 quesiti:
1) Sono normali l'ingrossamento dei linfonodi inguinali e la comparsa di rash cutanei in altre parti del corpo (parti intime, braccia, petto)?
2) Avreste qualche consiglio per accelerare la guarigione?
3) Mi chiedo inoltre se ci sia il rischio che a causa della sensibilizzazione alla cannella io possa soffrire in futuro di reazioni allergiche a seguito dell'ingestione di alimenti contenenti la cannella (che tra l'altro adoro). E' possibile?

Ringrazio in anticipo ogni risposta.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, partiamo dal presupposto che la sua ipotesi sia non per forza corretta:

pertanto oltre che sospendere tutte le applicazioni e le assunzioni di farmaci senza diagnosi, la cosa più importante da fare procedere subito con una visita dermatologica al fine di chiarire perbene cosa le stia accadendo.

Nutro forti dubbi di fatti che è una reazione che si sta propagando su tutta la pelle, legata ad aumento dei linfonodi, sia relegata ad un’applicazione dei topici che ha descritto

Mi faccia sapere
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 507XXX

Grazie per la risposta.
Questa mattina mi sono svegliato con ancora più bolle pruriginose sulle braccia e soprattutto sul petto. In realtà ormai ho tutto il tronco ricoperto da bolle pruriginose, soprattutto davanti, sui fianchi e sul collo. Sono comparsi anche puntini rossi pruriginosi sul glande. E' sopraggiunto inoltre un fastidio al palato duro, che risulta irritato, ruvido e leggermente metallico, passandoci sopra la lingua. Anche le orecchie sono molto calde, arrossate e ruvide, così come è irruvidita la pelle del volto.
Non mi è ben chiaro cosa intende nella Sua risposta nel terzo paragrafo, dove parla dei linfonodi. Intendeva dire che potrei aver bisogno di una terapia per via sistemica? Nell'assunto che si tratti di un'estensione su tutto il corpo della dermatite molto più violenta comparsa sui piedi, quali sono i rischi senza trattamento adeguato?
Pensa che dovrei recarmi al pronto soccorso? Purtroppo ho i piedi ancora molto gonfi e pieni di vesciche drenate e in guarigione e non riesco a recarmici.

[#3] dopo  
Utente 507XXX

Buongiorno,
a un mese dall'insorgenza dei primi sintomi, i miei piedi stanno guarendo, nel senso che le vesciche sono scoppiate e si è staccato lo strato di pelle più esterno delle dita, lasciando la pelle "rosa" sottostante che dovrà, col tempo, ispessirsi.
Il problema è che oggi su alcune dita dei piedi (in modo speculare su entrambi i piedi) sono apparse nuove piccole bollicine pruriginose piene di siero, esattamente come quando aveva esordito la dermatite. Si è contemporaneamente ripresentato il prurito allo scroto e al prepuzio, come era già successo.

Ovviamente io non ho mai più applicato o maneggiato gli oli essenziali che mi hanno provocato la dermatite e nemmeno creme/farmaci, ma in alcuni saponi che uso (sia saponi per la pelle, che detersivi/ammorbidenti per il bucato) ho notato la presenza di sostanze che costituiscono in alte percentuali la composizione di tali oli, come ad esempio l'aldeide cinnamica, il limonene, il geraniolo, il citronellolo...
Potrebbero essere questi saponi/detersivi la causa del secondo focolaio? Oppure è possibile che questa seconda "ondata" di dermatite sia semplicemente uno strascico della prima, molto forte, esordita un mese fa?

Grazie