Rischio mst

Buongiorno, vi scrivo permettendovi che sono all’estero, altrimenti sarei andato da uno specialista.

Settimana scorsa sono stato con una ragazza appena conosciuta, ci siamo entrambi toccati fin quando lei si è toccata la vagina e con la stessa mano sporca di liquido mi ha masturbato provocandomi un orgasmo.
Non c’è stato nessun altro tipo di rapporto.
Adesso da qualche giorno avverto un bruciore dell’uretra ed un leggero fastidio ai testicoli.
Non ho perdite di liquido, né tanto meno bruciore durante la minzione.
Urino molto spesso.
Il bruciore diminuisce prendendo un antinfiammatorio ma poi ritorna.
Posso aver contratto qualche malattia tipo Clamidia o Gonorrea o sono semplicemente batteri?
Premesso che tornerò in Italia tra 10 giorni e non ho possibilità di consultare medici cosa posso fare nel frattempo?
Prendo antibiotico?
[#1]
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova Dermatologo 340 30 2
Direi di non prendere niente a limite un antiinfiammatorio. Ogni patologia risponde ad un antibiotico piuttosto che a un altro. Tornato in Italia rischia ad un tampone uretrale o ad un esame urine di non trovare nulla, e questo può ritardare la diagnosi. Cordiali saluti

Dr.ssa Sonia Devillanova

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la sua risposta, ma secondo lei c’è il rischio di aver contratto qualche malattia sessualmente trasmissibile?
[#3]
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova Dermatologo 340 30 2
Se devo essere sincera da quello che lei racconta escluderei la gonorrea caratterizzata da un abbondante perdita di secreto che in genere viene detto scolo. La clamidia da un secreto purulento maleodorante, ci potrebbe essere una uretrite da germi comuni o un problema prostatico che potrebbero non avere niente in comune con le malattie sessualmente trasmissibili. In ogni caso conviene aspettare. In ogni caso potrebbe girare la stessa domanda anche ad un urologo per avere un ulteriore supporto. Cordialità

Dr.ssa Sonia Devillanova

[#4]
dopo
Utente
Utente
Certamente, ho avuto qualche infiammazione alla prostata in passato, sentirò l’urologo.
La ringrazio per la sua consulenza, è stata molto chiara e gentile
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dottoressa sono rientrato in Italia e mi sono recato dal curante visti i sintomi persistenti che non sono diminuiti. Mi ha prescritto Azitromicina doppia dose in una sola somministrazione, ho avuto beneficio di un paio di giorni ma i sintomi di uretrite e frequente minzione sono tornati, sono ritornato dal medico e mi ha prescritto fosfomicina 1 bustina unica somministrazione, beneficio di un paio di giorni e ricomparsa dei sintomi. Le premetto che ho preferito iniziare subito con la terapia antibiotica piuttosto che fare urinocoltura e spermiocoltura per accellerare i tempi, che comunque farò il mese prossimo a distanza della terapia antibiotica, ora il mio medico mi propone levofloxacina per 7 gg, è secondo lei l’antibiotico giusto anche senza antibiogramma? Dovessi non risolvere con questo ultimo farmaco da chi mi reco? Urologo, infettivo logo o venerologo? La ringrazio anticipatamente per la Sua risposta
[#6]
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova Dermatologo 340 30 2
Io avrei fatto prima esame urine e tampone, poi senza aspettare gli esiti terapia antibiotica a largo spettro, per modificarla in un secondo momento se è quando arrivava l'antibiogramma. Purtroppo non sapendo dove ha l'infezione non so che dirle. Penso che possa inizialmente fare una visita urologica poi una volta fatta una diagnosi sarà l'urologo a curarla o chiederà ulteriori accertamenti.

Dr.ssa Sonia Devillanova

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test