Test tpha e vdrl

Buongiorno, nel 2014 ho contratto la sifilide.
Dopo un anno in cui a seguito di test sierologici e terapia con doxiciclina non andata a buon fine, eseguita per presunta allergia alla penicillina, ho effettuato 2, 4 milioni di unità di benzilpenicillina una volta a settimana per tre settimane come prescritto dallo specialista.
Da allora ho eseguito ogni anno test che dimostravano il calo dei titoli anticorpi fino alla negativizzazione delle igM e VDRL e valori igG 1/80 sul test Fta ABS e TPHA 1/160 nel 2017.
Ad oggi ho effettuato comunque nuovo test non quantitativo e il risultato é il seguente: VDRL negativo e TPHA 1/640.
Posso considerare tali valori come sinonimo della cicatrice sierologica che resterebbe a vita nonostante il successo della terapia o si suggerisce comunque test quantivo sulle IGM E IGG.
Grazie.
[#1]
Dr. Giampiero Griselli Dermatologo, Medico estetico 8,6k 305 154
Gentile pz
Quanto riporta è altamente suggestivo per guarigione , con la consueta cicatrice sierologica , come da test tpha. Naturalmente deve far capo al suo dermatologoper ogni decisione, ma direi che, in prima battuta , non emergono segnali che inducano a ulteriori indagini
Cordiali saluti dott.Griselli

Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Brescia,Porto Tolle(RO)

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta. L'unico dubbio è per l'appunto l'aumento del tpha da 1/160 di qualche anno fa a 1/640 odierno pur permanendo vdrl negativa. Grazie.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test