Utente 261XXX
Buonasera,
sono una ragazza di vent'anni che da circa due mesi avverte strani dolori. Verso la metà di luglio, mi sentivo tirare le " braccia". I dolori si irradiavano fino alle dita. A volte sentivo un formicolio e mi si addormentavano. Pian, piano le fitte si son spostate tra l'ascella e il seno. Sentivo delle pressioni al petto. Mi recai dal medio curante e mi disse che si trattava di semplici dolori articolari; mi prescrisse un antifiammatorio da prendere due volte al giorno per 5 giorni. Non so, se l'antifiammatorio ha avuto affetto, durante il trattamento il dolori non scemavano. Dopo un settima sono scomparsi. Ad agosto vado in vacanza e tutto va per il meglio. Al ritorno, i dolori ricompaiono. Decido di fare l'ecografia al seno, preoccupata.

L'esame eseguito con sonda lineare da 14Mhz ha fatto notare:
Regolare lo spessore cutaneo ed i capezzoli.
Seno ad aspetto iperghiandolare giovanile senza evidenza di alterazioni a carattere focale in atto.
Normali i legamenti di Cooper.
Non segni di ectasia delle strutture duttuali.
Assenza di calcificazioni rilevabili con la metodica in esame
A carico di entrambi i cavi ascellari sono evidenti piccoli linfonodi reattivi di cui il più grande a destra e di mm.6 mentre a sinistra è di mm.7; essi non mostrano segni di colliquazione nè calcificazioni in atto.


I dolori sono gli stessi, vanno e vengono. Si sono aggiunti dolori al centro della schiena. Quelli sono fissi. La notte non riesco a dormire, mi sembra di aver la schiena stesa sulle roccie. La sento tesa. A volte ho dei forti mal di testa accompagnati da un leggera nausea. Ho dolori che si spostano ovunque, sento un dolore all'avambraccio, scompare, e ne percepisco un altro al collo o sotto la mandibola.Ieri notte, mi son svegliata perchè avvertivo dei dolori alla gamba destra a salire fino all'inguine. Mi sono recata nuovamente dal medico curante e mi ha risposto dicendomi che tutti i suoi pazienti lamentano i medesimi dolori. Io le ho chiesto se magari ci fossero delle analisi in particolare per risalire al problema e lei mi ha risposto dicendomi che erano inutili. Io non posso continuare così, sono molto preoccupata.
Almeno lei, mi consigli cosa è più utile per me in questo caso.
Come analisi o quant'altro.
Comincio a darmi da fare, non posso starmene con le mani in mano, aspettando che tutto passi.
Attendo una sua risposta.
Grazie.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Ad agosto vado in vacanza e tutto va per il meglio>>

Non Le sembra la chiave di tutto ?

Tutto il quadro che descrive evoca il sospetto di una componente ansiosa significativa che a distanza senza una visita non è possibile confermare.

Il quadro clinico che descrive non corrisponde ad alcuna sindrome conosciuta (almeno dal sottoscritto) in medicina, l'ecografia al seno è normale e normale la presenza di linfonodi reattivi

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html

Ne riparli con il suo curante
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com