x

x

Il maggio del 2011, ho eseguito una colonscopia, fino all'ultima ansa ileale, che ha evidenziato

Gonfiore addominale, difficoltà a digerire, reflusso gastrico? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Gentile dottore, da circa 25 giorni, soffro di un continuo e fastidioso stimolo alla defecazione, con vago dolore al quadrante addominale basso di sinistra. Disturbo che, per la verità, seppur in forma molto più lieve e per un periodo più breve, ho avvertito anche un anno addietro. In quella circostanza, era il maggio del 2011, ho eseguito una colonscopia, fino all'ultima ansa ileale, che ha evidenziato solo emorroidi interne di secondo grado, e nulla più. Alcuni mesi prima, e cioè nel gennaio 2012, accusando reflusso gastrico ricorrente e bruciore di stomaco, avevo pure effettuato una gastroscopia, che ha dato esito negativo. Premetto che sono una persona ansiosa, quindi, aimè..assalito dai dubbi, due giorni fa, dopo giorni di fastidioso disturbo di cui sopra, mi sono sottoposto ad una rettosigmoidoscopia, fino al giunto sigmoidocolico. Anche in questo caso, solo piccole (stavolta) emorroidi interne ed in più una ragade, non altro. Da 25 giorni ormai, il gastrenterologo mi cura con Enterelle e Relaxicol. Non capisco, però, il motivo di questo prolungato disturbo. Da cosa potrei essere affetto? Dovrei fare altri esami ? Non nego di essere un po preoccupato...
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Gentilissima,

da quanto descrive i sintomi sono compatibili con un colon irritabile e la terapia è appropriata. Deve avere pazienza in quanto si tratta di una sindrome funzionale che necessita di tempo e, a volte, di cambiamento della terapia. Le negatività degli accertamenti eseguiti deve tranquillizzarla.



Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la tempestività ed esaustività della sua risposta. grazie ancora
[#3]
dopo
Utente
Utente
Volevo soltanto aggiungerLe, sperando di non easserLe troppo di disturbo (se è così mi scuso, La ringrazio ancora e la prego di non tener conto di questa mia seconda mail,) che alla mattina la mia quantità di feci è pressocchè regolare, sia come quantità che come consistenza, ma quando, nell'arco della giornata, il fastidioso stimolo alla defecazione aumenta, mi capita di emettere alcune gocce di muco nel corso dei miei tentativi (a vuoto) ed in alcuni casi, invece, di andare di corpo emettendo residui di feci (pochi pezzetti). Un paio di volte mi è anche capitato di trovare la carta igienica macchiata di sangue rosso vivo. Ho parlato stasera, ancora una volta, con il medico, e lui parla (NE E' CONVINTISSIMO), di disturbi legati alla ragade e a queste piccole emorroidi (dice che anche se piccole, ciò non esclude che possano essere ematose), oltre che di colon irritabile(come ha detto Lei). Dall'alto della Sua esperienza (anche se non vivo a Milano e non sono calabrese, ho sentito molto parlare di Lei, dato che sono giornalista professionista), ritiene congruente la diagnosi del medico (chiaramente, capisco bene, solo sulla base di quello che le scrivo), anche alla luce di questi nuovi sintomi che non le avevo illustrato dettagliatamente prima? Grazie e mi scusi ancora
[#4]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Gentilissimo,

dopo la seconda mail mi convinco ancora di più che si possa trattare della sindrome del colon irritabile. E ci sta tutto: emissione di residui di feci, presenza di muco e tracce di sangue (legate allo sforzo defecatorio). Assuma delle fibre tipo psyllium e beva liquidi a sufficienza. Per sua tranquillità (ma non per la mia diagnosi) potrebbe effettuare la colonscopia visto che ha raggiunto l'età dello screening.

Si tranquilli. Anche con la colonscopia non troverà patologie ma è un esame da farsi (...sempre per lo screening).


Buon WE

[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, ancora grazie mille per la sua risposta. La colonscopia, fino all'ultima ansa ileale, l'ho eseguita 10 mesi fa (diagnosi:emorroidi di 2 grado), e, 3 giorni fa la rettoscopia, fino al giunto sigmoidocolico. Anch'io ero del parere di rifarla (magari solo per un problema di paure...spesso ingiustificate)...ma il mio curante non è d'accordo, dice che, in primo luogo è stata eseguita recentissimamente una rettoscopia e, in secondo luogo, con una colonscopia eseguita appena 10 mesi fa, dovrei evitarla. Anche Lei è dello stesso avviso? Un'ultima considerazione: Lei, ed altri come Lei, che vi prestate gratuitamente a dare delle risposte, seppur solo sulla base dei nostri racconti, con questa sollecitudine e competenza, non sapete davvero quanto bene fate alle persone che, a volte, hanno solo bisogno di qualcuno che li ascolti, anche solo via pc. Continui così !!! Ancora Grazie!!!
[#6]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Ottimo Allora con una colonscopia negativa sono anch'io pienamente d'accordo che non ci siano motivi di ripetere l'esame. Adesso può realmente stare tranquillo.

La sua soddisfazione ai nostri consulti è per noi grande motivo di gratificazione.


Mi stia bene ... molto bene.

[#7]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora, dottore e...buon lavoro.

Conosci l' endometriosi? Scoprilo con il nostro test