Utente
Buonasera a tutti,
vorrei sottoporvi il mio problema con la speranza di poter intrapendere una definitiva cura medica....anche solo un consiglio sarà però gradito.
Ho 24 anni peso 60 Kg e sono alto 175 cm, corporatura normale e di buona salute tutto sommato; sportivo e molto attento all'alimentazione.
Da circa 5/6 anni soffro "colon irritabile", per meglio dire, soffro di alcuni sintomi quale il colon irritabile sviluppa...come aria nella pancia, talvolta dissenteria e costipazione nella zona intestinale di tanto in tanto.
gli esami per escludere eventuali altre patologie sono stati:COLONSCOPIA,GASTROSCOPIA,ECO ADDOME COMPLETO E VARI E RIPETUTI ESAMI DELLE FECI, TRA CUI SANGUE OCCULTO E PARASSITI,VARI TEST DI INTOLLERANZE...tutti negativi...o comunque tutti nei limiti di norma...
Questi esami sono stati ripetuti più volte nel corso degli anni, intervallati da cure blande a base di procinetici,carbone, piuttosto che ansiolitici.
Nel corso degli ultimi 2 anni, nonostante l'esame dei parassiti nelle feci fosse negativo più volte, ho notato dei parassiti nelle feci in svariati episodi, riconducibili ad OSSIURI.
ho assunto Vermox e Combantrin parecchie volte ma a distanza di poco tempo dal termine del trattamento i parassiti ritornano....tra l'altro VISIBILI AD OCCHIO NUDO nelle feci...
Ci tengo a sottolineare che in nessun modo vengo esposto ad alcuna forma di "CONTAGIO", nel senso che non ho animali,lavo accuratamente la verdura che mangio e mia mamma è fanatica dell'igiene...sterilizza anche l'aria che respiro!!!!!
Sicuramente la diagnosi del colon irritabile non è completamente sbagliata, essendo io molto ansioso sviluppo alcuni sintomi, ma inizio a pensare che i prassiti sicuramente siano la causa maggiore di questi.
Com'è possibile che non guarisco da questi parassiti?sto iniziando a preoccuparmi veramente...non c'è qualche cura più forte?il mio medico continua a dirmi che non sono gravi questi parassiti...ma la sensazione che si prova e veramente poco piacevole..senza parlare del fatto che non si trovi una soluzione DEFINITIVA.
Grazie mille anticipatamente.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo,

Come correttamente dice il suo medico non e' grave la presenza di questi piccoli parassiti anche se, comprendo, non e' piacevole conviverci. D'altronde non sempre e' facile debellarli con le terapie a disposizione. Deve ripetere di tanto in tanto la cura e, come gia' fa, deve eliminare possibili fonti di contagio.

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
Fermo restando quanto detto dal collega Cosentino,
Le porgo una domanda forse banale:
Al momento del riscontro del parassita, ha portato il materiale osservato al laboratorio?

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#3] dopo  
Utente
Gentilissimi medici,
grazie anzitutto.
Rispondo dicendo che non ho mai portato il parassita riscontrato al laboratorio, dando sia io che il mio medico, per scontato il fatto che si tratti di ossiuri...sia per forma che dimensione, diventa difficile ricondurre tale parassita ad altri.
Ci sono parassiti simili ad ossiuri che possono essere scambiati per tali?e sopratutto che sono resistenti a VERMOX e COMBANTRIN?
Un ultima domanda, cure a base dei sopra menzionati farmaci, quali problemi possono portare?e questi fastidiosissimi parassiti?che cosa mi compotreranno a livello di salute, nel caso dovessero di tanto in tanto ri comparire?
In alternativa, qualche altra cura da consigliarmi, o esame clinico?
Grazie ancora e buon lavoro.

[#4]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Come prima raccomandazione:
con tutto il rispetto per quello che lei vede,
faccia verificare il materiale in laboratorio.

Per rispondere, comunque alla sua richiesta le do delle informazioni di carattere generale:

-i Vermi o Elminti possono assumere innumerevoli forme: possono essere visibili ad occhio nudo anche se sottilissimi come un capello come la Filaria, oppure più spessi e tondi come gli Ascaridi, o piatti e lunghi come le Tenie, ma a volte sono microscopici come la Trichinella;

- sia il mebendazolo che il pirantel pamoato sono molto efficaci,ma, poiché non distruggono le uova, si consiglia un secondo trattamento dopo due o tre settimane al fine di distruggere le uova eventualmente ingerite al momento della terapia iniziale;

-vi sono diverse possibilità riguardo alle recidive : o gli ossiuri con la terapia non se ne vanno del tutto e quindi prolificano di nuovo, oppure il suo sistema immunitario intestinale non si oppone a nuovi ingressi, che possono esserci anche rispettando le comuni regole igieniche.

Affronti comunque la problematica seguendo un'opportuno iter diagnostico, clinico e terapeutico con il suo curante di riferimento.

Saluti.


Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it