x

x

Malassorbimento , linfocitosi?

Gonfiore addominale, difficoltà a digerire, reflusso gastrico? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Salve,
oramai da diversi anni ( 4 -5 ) ho serie difficoltà a digerire e credo proprio ad assimilare qualsiasi cosa io mangi.premetto che ho un fisico ai limiti del possibile essendo 180cm per un peso che oscilla sui 55 kg.sono in attesa dei risultati di vari test ormonali e per la celiachia ed emocromo.
L'unico dottore ( di famiglia) al quale mi sono rivolto in questi anni mi ha sempre tranquillizzato dicendomi che si sarebbe trattato o di colite o di Intestino Irritabile.spiego meglio;
posso mangiare ciò che voglio,in qualunque stato d'animo (stress o relax)in qualunque luogo io sia , in maniera abbondante o meno ,ho pure variato diverse diete ,enterogermina,ma niente da fare non riesco a digerire.
quando finisco un pasto (ad esempio un pranzo con primo secondo contorno frutta) al termine ho la sensazione che tutto si" depositi" senza alcun gorgoglio digestivo,dopo di che gonfiore addominale, tutto questo senza dolori particolari ma unicamente fastidio e pure modesto,arrivo a cenare solita situazione al termine e con la spiacevole sensazione dei 2 pasti "sovrapposti", gli unici gorgoglii che avverto sono a letto prima di dormire,segue un risveglio del tutto normale con sensazione sempre di pancia gonfia per il cibo ormai "fermentato" in pancia(mi verrebbe da dire) fastidio al centro del''addome zona dell' ombelico e sotto lo sterno,una volta alzato tempo 20-30 minuti devo correre in bagno;le feci sono sempre "molli"molte volte "corte"molte volte con la sensazione durante l'atto della classica diarrea a scarica,altre volte molli,chiare e con frammenti di cibo ma senza alcuna sensazione di diarrea,alcune volte è presente acqua di colore scuro, sono sempre galleggianti tranne rari casi,il colore il più delle volte è chiaro e brillante il che mi hanno detto può essere prova di grasso eliminato ,vado al bagno 2 massimo 3 volte al giorno anche in momenti diversi della giornata ma quasi mai 1,alcune volte dopo aver evacuato magari la mattina dopo una cena abbondante ho una sensazione di "farfalle nello stomaco" una sorta di stimolo di fame che però realmente non è. l'unico senso di bruciore ed alcune volte pure forte che avverto è nella zona sotto e sopra l'ombelico e sempre dopo aver evacuato.mai sofferto di stitichezza.nel 2009 mi ammalai di mononucleosi , ma ho sempre avuto,almeno dalle analisi che ho fino al 2006 i linfociti assoluti alti(5.5) e anche globuli bianchi (12)senza altre alterazioni dell'emocromo e senza sintomi apparenti, mi chiedevo se poteva essere collegato al malessere che mi perseguita da anni?cosa dovrei fare per cercare di risolvere la situazione? Vi ringrazio!
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Gentile utente,

il consiglio migliore che posso darle è quello di rivolgersi ad un gastroenterologo per fare chiarezza sui sintomi e per iniziare un percorso diagnostico e terapeutico. I sintomi possono anche essere compatibili con una sindrome del colon irritabile, ma questa è una diagnosi di esclusione.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta,

questa sindrome può essere cosi omogenea (no alternanza tipi di feci in qualunque stato d'animo) ?senza presenza di aria,senza dolori e soprattutto non farmi ingrassare nonostante 2000 kcal giornaliere?

Grazie

Conosci l' endometriosi? Scoprilo con il nostro test