x

x

Dolori fianco sinistro e destro e diverticolosi colon

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Buongiorno.Persiste il mio dolore al fianco sinistro.
Diagnosticata con colonscopia del 15-12-2011 diverticolosi iniziale al sigma e colon irritabile.
Operazione ernia inguinale sinistra a Gennaio 2012.Comunque ho già spiegato tutto nei iei post precedenti che potrete consultare eventualmente.
Esami sangue ok,feci e urine risalenti e ripetuti fino a 2 mesi fa circa.
Ultima eco addominale completa di due settimane fa risultata negativa e perfetta in tutto.
Prescrittomi Spasmomen 40 al mattino e Spasmomen 20 mg la sera.
Dieta con acqua fibre e no verdure crude,latte e derivate, povera di pasta e pane per un po' di tempo.
Inoltre prescrittomi RELAX COL dopoi pasti.
Ora tra alti e bassi il dolore al fianco sinistro permane ma purtroppo è subentrato anche dolore persistente a destra già da un mesetto zona fegato/colon per capirci, ma il medico sostiene che cone sami sanfgue negativi di due mesi fa e eco addome di due settimane fa risultata negativa non devo preoccuparmi.
Possibile che sia tutto ok?Sicuramente non si tratta di strappi o cose del genere perchè non mi da quella sensazione...che si siano formati nuovi diverticoli o altro?
Ho effettuato una settimana fa visita da primario gastroenterologo molto rinomato e mi ha detto che la mia situazione è sotto controllo, ha detto che non necessito di altri esami diagnostici e mi ha prescritto quanto riportato sopra.
Non mi ha allarmato in merito alla mia fase iniziale di piccoli diverticoli diagnosticati a Dicembre 2011 e mi ha ribadito la NON necessità di effettuare altre colonscopie.
Io pero' sto male e non ci capisco piu' niente,
I dolori si irradiano anche dietro al fianco/schiena e ora pure al fianco destro.
La situazione non migliora.
Tra l'altro le mie feci sono sempre strane, a palline dure in fase iniziale e poi abbastanza normali ma mai come un anno fa da quando sono cominciati i miei disturbi.
La situazione rischia di peggiorare?Che devo pensare?Mi dicono di tranquillizzarmi che sono sotto controllo ma i sintomi forti mi fanno impazzire.
Che consiglio potete darmi?Grazie di nuovo.

[#1]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4,6k 139 98
Gentile signore,
la presenza di diverticoli può esser legata a disturbi di motilità dell'intestino (colon irritabile) e, a sua volta, determinare tali disturbi, alimentando così un circolo vizioso. In questo circuito spesso si inseriscono interferenze di ordine psicologico che contribuiscono al peggioramento dei sintomi.

Dalla descrizione dei sintomi e dalle visite riferite la situazione è priva di rischi, ma comprendo che la sintomatologia dolorosa arrechi disturbo. Per questo sintomo è utile ottenere una regolarità nell'evacuazione e limitare la somministrazione di antispastici al minimo indispensabile.

Non c'è purtroppo una regola universale nella gestione di questa situazione che potrà evolvere in maggiore tranquillità soltanto con un puntuale aggiustamento periodico delle terapie sintomatiche e con un intervento mirato alla gestione dell'ansia da parte di un competente (psicologo o psichiatra).
Cordiali saluti.

Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2]
dopo
Attivo dal 2010 al 2015
Ex utente
Grazie della risposta,gent.mo Dottore.
Riguardo alla regolarità dell'evacuazione posso dire che in tal senso non ho problemi se non nella consistenza delle feci (come sopra variabile inizialmente a grappolini a pallinini duri e poi via via stabilizzate in feci abbastanza normali a volte con un po di muco).
Difatti la mattina vado regolarmente e durante la giornata altre 2-3 volte.
E' il dolore /indolenzimento costante che mi tormenta, soprattutto quando si estende anche dietro al fianco.
Tra l'altro all'altezza del fianco sinistro dove termina l'ultima costola e comincia la zona "molle" , profanamente mi esprimo cosi per cercare di farmi capire, è come se avessi un chiodo che mi fa male anche pigiando quasi come avessi preso una botta o un microstrappo (già da mesi) e penso sia conseguente a questi continui disturbi.
Pongo una domanda in merito:
Avendo fatto la colonscopia a Dicembre 2011 mi dicono che non necessito di altri esami in tal senso.
Ma nel frattempo in questi mesi potrebbe essersi alterata la situazione morfologica e clinica del mio colon o no?Intendo aumento numero e dimensioni diverticoli o altro?
Potrebbe risultare utile in alternativa una colonscopia virtuale o avrei il medesimo esito e quindi non sarebbe rilevante per il quadro clinico attuale?
C'è qualche altro esame piu' specifico per visualizzare meglio la situazione?
Grazie mille per l'attenzione.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio