Utente
Buongiorno dottore, ho 41 anni e da 40 giorni, al 2 ottobre sto seguendo il regime alimentare dei celiaci utilizzando il prontuario sul sito dell'Associazione. Questo dopo tutta una serie di sintomi accresciutisi nel corso degli anni che mi hanno portato all'esasperazione. Sin da piccola ho sofferto di alvo alterno ma il mio carattere sensibile ed emotivo giustificava tale stato. Si sono aggiunti in seguito dolori articolari intensi ( esami per reumatismi negativi); afte ricorrenti e molto dolorose quasi solo sulla lingua; anemia sideropenica ostinata, tanto che pure con terapia di ferro per os l'Hgb non sale mai sopra i 10; una strana emicrania sorta nell'ultimo anno; uno stato di spossatezza generale che si acuiva a periodi; allergie stagionali molto intense e per ultima una dermatite cutanea localizzata ai gomiti, tronco fino al mento, retro ginocchia e cosce che mi hanno fatto decidere per togliere il glutine dalla mia alimentazione. Risulato quasi miracoloso: sto BENISSIMO, l'intestino non è ancora proprio a posto ed io mi sento leggera e finalmente sana. Le afte sono solo un brutto ricordo. Mi sono ricapitate ma perché in due occasioni ho contaminato il cibo. Domanda: devo vedere un gastroenterologo a fine novembre, posso mantenere il regime alimentare odierno oppure devo reintrodurre il temutissimo glutine? E se si' quanto tempo prima di fare la visita? Premetto che è solo una prima visita di presa in carico ma ho il terrore di iniziare a rimangiare come prima. So che devo reintrodurlo per fare gli esami ma magari basta un piatto di pasta al giorno...Anche perché non sento la mancanza della vecchia alimentazione e cosi' va benissimo. Grazie infinite e scusate la lungaggine. Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Innanzi tutto è opportuno cercare di fare una diagnosi differenziale tra malattia celiaca e sensibilità al glutine( Gluten Sensitivity). Anche se ora sarà più difficile avendo lei sospeso l'introduzione del glutine. Sarà comunque il gastroenterologo a guidare gli opportuni approfondimenti.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta e cosi' veloce! Obbligata.
Non pensavo esistesse anche una Gluten Sensitivity, interessante. E' vero, il suo collega valuterà il mio caso, per tal motivo fino al venti novembre rimango sotto questo regime alimentare; preferisco siano loro a indicarmi le modalità di reintroduzione e ogni passo che devo compiere.
La ringrazio ancora per la sua risposta e le auguro buon proseguimento di settimana.