Utente
Buongiorno,
sono una donna di 33 anni. Non ho mai sofferto di alcuna patologia fino a circa il Dicembre 2012, tranne che di stipsi.
Lo scorso Dicembre 2012 al risveglio di mattina mi capitava di avere conati di vomito senza alcuna fuori uscita , due o tre volte di seguito. Diverse volte durante la giornata mi venivano eruttazioni. Notavo che passavo da uno stato di fame elevato ad uno stato di sazietà dopo aver mangiato poco cibo. Al terzo giorno di questi sintomi ho cominciato a misurarmi la temperatura corporea che andava da 36,9 a 37,4 durante le misurazioni della giornata. Non notavo alcun legame tra orari di misurazione e gradazione di temperatura.
Supponendo che questi sintomi fossero di natura psicologica ho evitato gli esami per tutti gli otto mesi ad oggi.
I sintomi della febbre perdurano fino ad oggi mentre gli altri sintomi (conati di vomito, eruttazione, occhiaie marcate, e senazione di dover espellare qualcosa dalla pancia) li ho avuti per circa 50 nel periodo Dicembre/Gennaio, per circa 40 giorni nel periodo di Marzo/Aprile ed adesso da circa 15 giorni. In quest'ultimo periodo i sintomi stanno peggiorando, la mattina mi vengono anche 10 conati di vomito di continuo. Ho notato che arrivano per la maggior parte poco dopo aver ingerito qualcosa da mangiare ma anche talvolta a stomaco vuoto. Due o tre giorni fa i conati sono sopraggiunti anche la sera con un'intensità minore. Durante la giornata ho spesso eruttazioni.
Sono molto preoccupata. Di cosa potrebbe trattarsi e quali esami eseguire?
Grazie
Cordiali Saluti

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Innanzi tutto deve recarsi dal medico per essere visitata. È infatti necessario valutare le condizioni dell'addome,dei linfonodi,della pressione ecc. Poi dopo una visita si valuterà se richiedere gli esami del sangue e eventualmente una gastroscopia.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Rossi, grazie per la risposta.

Nel mese di Gennaio 2013 ho eseguito un'ecografia al fegato, colecisti e vie biliari con risultato nella norma. Ricordo che il medico radiologo, all'atto di eseguire l'ecografia, rimase sorpresa dall'elevata quantità di aria presente nello stomaco essendo io di costituzione magra (altezza 166cm - peso 54,2 kg).
Successivamente il medico di base mi ha prescritto degli esami del sangue


I SEGUENTI ESAMI SONO STATI ESEGUITI IL MESE DI MARZO 2013:

Bilirubinemia Frazionata
Metodo Enazimatico su ILAB 650

Bilirubinemia Totale 2,20 mg/dl
Bilirubinemia diretta 0,38 mg/dl
Bilirubinemia indiretta 1,82 mg/dl

Gamma Glutamil Traspeptidasi (gamma GT) 12 U/L
Metodo Cinet. col. su ILAB 650




I SEGUENTI ESAMI SONO STATI ESEGUITI IL MESE DI MAGGIO 2013
Emocromo:

Globuli bianchi 5770 /mmc
Globuli rosii 3.980.000 /mmc
Emoglobina 12,7 %
Ematocrito (HT) 38,9 %
Volume globulare medio (MCV) 97,6 femtol
Cont. corpus medio (MCHC) 32,0 ng/dl
Conc. Hb corp. media (MCHC) 32,7 gr/dl

Formula Leucocitaria
Neutrofili 53,5%
Eosinofili 0,6%
Basofili 0,8%
Linfociti 37,7%
Monociti 7,4%
Piastrine 226.000 /mmc
MPV (Volume piastrinico medio) 6,79 fl
PDW (Ampiezza distribuzione piastrinica) 17,6%
PCT(Piastrinocito) 0,15%

Ferritina 33,54 ng/mL
Proteine totali 7,6 g/dL
PCR(Ultrasensibile) 0,05 mg/dL


V.E.S.
1h 7mm
2h 21mm
Indice di katz 8,8


Protidogramma
Albumina 56,0%
Globuline alfa1 3,8%
Globuline alfa2 9,8%
Globuline beta1 5,5%
Globuline beta2 4,6%
Globuline Gamma 20,3%
Rapporto A/G 1,27%

Esame delle urine nella norma


Il giorno 09/07/2013 mi sono recata in ospedale per fare una visita gastroenterologica. Il gastroenterologo che a mio avviso è stato frettoloso nella valutazione, ha definito la febbre "non di natura patologica", mi ha prescritto 2 farmaci:
- Plantalax da assumere una volta al dì la sera prima di dormire
- Pantoprazolo 40 mg da assumere la mattina prima della colazione
Assumo questi farmaci da 7 giorni ed i risultati sono una maggiore frequenza di evacuazione ma nessun miglioramento dei sintomi. Piuttosto noto un costante aggravamento.
Inoltre mi ha prescritto alcuni esami:
-esame parassitologico delle feci
-EMA, TGA, FT3, FT4, TSH, ABTG, ABTPO.
Vorrei segnalare che gli esami della tiroide li avevo effettuati in altri esami (con risultato nella norma) che a lui ho esposto ma che probabilmente non deve aver notato per la fretta con la quale ha trattato il mio caso.


Attendo VS notizie
Cordiali saluti




[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Dagli esami effettuati si evince che verosimilmente è affetta da sindrome di Gilbert che potrebbe essere in parte responsabile dei disturbi lamentati. È pertanto opportuno che si rivolga ad uno specialista gastroenterologo.
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
Grazie Dr. Rossi.
La cosa strana è che ne il medico di base ne il gastroenterologo di cui sopra, hanno fatto il minimo cenno che la causa di alcuni sintomi potesse essere Gilbert. Considerando anche che ne è affetto mio padre.

Saprebbe consigliarmi un buon centro di gastroenterologia privato e pubblico?

Grazie nuovamente

[#5]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Non nella sua regione.
Dr. Roberto Rossi

[#6] dopo  
Utente
Dottore sono disponibile a partire in qualunque regione. Grazie

[#7]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Intendevo che nella sua regione non conosco centro di gastroenterologia in quanto scrivo da Torino. Non che non vi siano centri di ottimo livello.
Dr. Roberto Rossi

[#8] dopo  
Utente
Dottore, abbiamo deciso di fare una radiografia di tutto l'apparato digerente prima di andare da un gastroenterologo per potergli mostrare quest'altro esame. Ritiene dovrei farne degli altri?

[#9]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Non saprei quale valore possa avere una radiografia.personalmente farei una gadtroscopia come primo esame,in seguito valuterei ulteriori approfondimenti. Penso però sarebbe importante una seria e accurata visita gastroenterologica.
Dr. Roberto Rossi

[#10] dopo  
Utente
Grazie dottore per la puntualità con la quale mi risponde.
Ho annullato la radiografia e prenotato per questo lunedì una esofagogastroduodenoscopia (Egd).
Nel messaggio precedente ha accennato ad ulteriori approfondimenti. Di che tipo?

Riguardo la temperatura che oscilla tra 37 e 37,4 da ormai 8 mesi è possibile che ci sia un legame con l'apparato digerente? Non mi riferisco al mio caso in particolare che ovviamente non avendo alcun responso di esami non è possibile valutare, bensì se esistono patologie legate all'apparato digerente che alzano la temperatura corporea come la mia?

[#11] dopo  
Utente
Salve,
dopo poco meno di un mese ho i risultati della gastroscopia e biopsia


Gastroscopia:
Normale l'esofago. Cardias in sede ma beante. Pareti gastriche elastiche e ben distensibili con ristagno di tipo mucoso. Normali il fondo ed il corpo. Diffusa iperemia della mucosa antrale (si esegue biopsia per ricerca dell'H. Pylori. Normale il bulbo duodenale. In corrispondenza della seconda pozione duodenale le pliche appaiono lievemente appianate: si eseguono n°3 biopsie orientate per lo studio dei villi.
Deduzioni: Ipotonia del cardias, gastroduoenopatia superficiale in atto di tipo istol.
Terapia consigliata: Ipp, procinetici
Controllo: da stabilire dopo il responso istologico.



Alla fine della gastroscopia, il medico mi ha dato la seguente cura:

1)Rabeprazolo 20mg per 2 mesi da assumere un'ora prima di fare colazione
2)Gastroactive da prendere subito dopo pranzo e cena per 2 mesi
3)Levobren 25mg da prendere prima di pranzo e cena per un mese.Il medico mi ha raccomandato di non prenderlo più se avessi avuto delle fuoriuscite di latte, che dopo 20 giorni di assunzione non ho più preso perchè ho avuto fuoriuscite.

Dopo 20 giorni dalla gastroscopia ho ritirato il referto dell'esame istologico.
Materiale inviato:
A) Biopsia antro gastrico
B) Biopsia duodenale

Diagnosi:
A) Gastropatia erosiva reattiva-endogena;note di iperplasia ossintica. HP negativa
B) Duodenite microerosiva aspecifica; villi normoconformati. IEL/100 enterociti<25. Tipo 0 sec. Marsh modificata


Facendo la cura prescritta da questo gastroenterologo, per un mese non ho avuto problemi. Oggi (a distanza di un mese) il senso di vomito la mattina,appena sveglia, è tornato. Faccio il verso come se stessi vomitando ma senza fuoriuscita di nulla, senza nemmeno avvertire bruciore o acidità nell'easofago o in bocca.

Sono molto preoccupata

[#12] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
dimenticavo di scriverle che ho ricominciato a star male dopo pochi giorni dalla sospensione del Levobren 25mg. Il gastroenterologo mi aveva raccomandato di sospenderlo in caso di fuoriuscita di latte. La fuoriuscita che mi ha convinto a sospenderlo avveniva (ed avviene tutt'oggi dopo 10 giorni dalla sospensione) in seguito a strizzamento dei capezzoli ma mai in modo autonomo.

Cordialmente

[#13]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Purtroppo sono gli effetti della sospensione della terapia. Deve pertanto tornare dal gastroenterologo per spiegare il motivo dell'interruzione della terapia e chiedere una alternativa.
Dr. Roberto Rossi

[#14] dopo  
Utente
Gentile Dott. Rossi
la ringrazio molto per la risposta.
Pensavo di sostituire il Levobren(procinetico) con il Debridat o il Debrum.

Potrebbero sostituire il Levobren?

[#15]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Si
Dr. Roberto Rossi

[#16] dopo  
Utente
Scusi Dottore ma il Levobre, il Debridat ed il Debrum fanno parte della stessa categoria di farmaci?

Che io sappia il Levobren è un procinetico, il Debridat un antispastico (in caso di dolori) e Debrum sono benzodiazepine

[#17]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Certo ,ma potrebbero entrambi essere comunque usati con buoni risultati perchè i disturbi potrebbero essere una somatizzazione ansiosa. Pertanto potrebbe provare e valutare se vi saranno miglioramenti significativi.
Dr. Roberto Rossi

[#18] dopo  
Utente
Gentile Dott. Rossi,
sono perplessa. Dai risultati degli esami giù scritti cosa deduce? Tali risultati non sono riconducibili ai miei sintomi?



Gastroscopia:
Normale l'esofago. Cardias in sede ma beante. Pareti gastriche elastiche e ben distensibili con ristagno di tipo mucoso. Normali il fondo ed il corpo. Diffusa iperemia della mucosa antrale (si esegue biopsia per ricerca dell'H. Pylori. Normale il bulbo duodenale. In corrispondenza della seconda pozione duodenale le pliche appaiono lievemente appianate: si eseguono n°3 biopsie orientate per lo studio dei villi.
Deduzioni: Ipotonia del cardias, gastroduoenopatia superficiale in atto di tipo istol.
Terapia consigliata: Ipp, procinetici
Controllo: da stabilire dopo il responso istologico.

Dopo 20 giorni dalla gastroscopia ho ritirato il referto dell'esame istologico.
Materiale inviato:
A) Biopsia antro gastrico
B) Biopsia duodenale

Diagnosi:
A) Gastropatia erosiva reattiva-endogena;note di iperplasia ossintica. HP negativa
B) Duodenite microerosiva aspecifica; villi normoconformati. IEL/100 enterociti<25. Tipo 0 sec. Marsh modificata