Utente 339XXX
Salve a tutti sono un ragazzo di anni vorrei esporvi il mio problema: Circa un mese e mezzo fa un medico sconsierato ha detto alla mia compagna che i sintomi che accusava (lingua gonfia) potessero essere atribuiti all'hiv. Da quel momento il mondo mi è crollato addosso pensavamo di essere affetti dal virus, ovviamente ho cominciato ad accusare molta ansia ed in quel momento sono entrato in un circolo vizzioso di ippocondria. Avvertivo tutti i sintomi dell'hiv ed ho cominciato a non mangiare ed avere inapetenza, il test di entrambi è stato negativo assieme ho fatto anche esami completi del sangue e delle urine assolutamente tutti perfetti.
il fatto è che non sono riuscito comunque a tranquillizzarmi anzi sembra che ogni giorno accusi sintomi diversi per altre malattie. Il problema è che ho comniciato a soffrire probabilmente di reflusso gastrico per colpa dell'ansia con conseguenti eruzioni e bruciori di stomaco l'ultima crisi mercoledi 9 aprile inappetenza bruciore di stomaco e giusti per non farmi mancare nulla ho preso il fluifort mucolitico che mi causa diarrea, a questo punto ho avuto diarrea e bruciori fino a lunedi mattina non avendo fame ho mangiato praticamente solo pasta riso in bianco e carote/zucchine bollite, e le mie feci sono diventate gialle, prima in scariche adesso invece sono formate.
ho perso parecchi chili in questo mese e mezzo ed ancora adesso in certi momenti faccio fatica a mangiare è possibile sia tutta colpa dell'ansia??
Piano piano l'ansia sta sparendo ma con molta fatica per questo chiedo il vostro parere per potermi liberare da questo peso
Vi ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
È possibile!
Sembrerebbe aver maturato un colon irritabile.
Non si allarmi,
ma eviti l'automedicazione e si affidi ad uno specialista.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 339XXX

Intanto la ringrazio per la sua tempestiva risposta.
ovviamente alla fine del ponte tra pascqua e il 25 aprile andro da uno specialista.

Giusto per completezza volevo dirle anche queste cose:

- tra fine gennaio e fine febbraio ho fatto una cura antibiotica composta da 3 pastiglie a settimana per 4 settimane di Zitromax

- 3 settimane fa invece ho fatto una cura antibiotica di clauvulin più mucolitico (che probabilmente ho portato avanti più del necessario visti anche gli effetti colaterali che mi afliggono) prescritta dal medico di base per una sospetta faringite, in realta presumo che la faringite non fosse altro che un irritazione della gola causata dai reflussi acidi, presumo una cosa del genere perchè non avevo sintomi da mal di gola come tosse secca o grassa ma bensi avvertivo un nodo in gola che mi ostruiva la deglutizione.
In effetti ho notato che mano a mano che l'ansia cresceva il nodo o gonfiore in gola aumentava e cosi anche le eruzioni mentre in periodi di "tranquillità" il gonfiore e le eruzioni tendevano a sparire in certi casi anche per giorni.

Ad oggi l'ansia è quasi del tutto sparita ed il gonfiore in gola con lei, le eruzioni sono molto meno frequenti e le mie evacuazioni si sono normalizzate, oggi appunto ho notato anche il colore e la densita delle mie feci sta tornando nei suoi canoni abituali.
L'unica cosa che mi preoccupa un po è l'inappetenza che a seconda compare e scompare, ieri ad esempio a pranzo avevo molta fame ed ho mangiato molto, mentre la sera la fame era sparita come questa mattina a colazione ed in parte adesso in pausa pranzo.
io non ho cominciato nessuna automedicazione ho solo e semplicemte assunto fermenti l'attici.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Molto bene,
il quadro che ha rappresentato conferma
un marcato disturbo d'ansia alla base dei suoi disturbi,
tale evento può acentuare sia i sintomi del reflusso
che disturbi dell'alvo (colon irritabile) che come vede regrediscono con la'attenuarsi dell'ansia.

Consulti quindi uno specialista con la consapevolezza che non si tratta di nulla di grave.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 339XXX

Salve dott Quatraro la ringrazio ancora una volta per la sua tempestiva risposta, volevo aggiornarla sugli sviluppi, purtroppo lo specialista in questi giorni di ponti e feste non puo visitarmi quindi aspettero..
intanto però le spiego come sta andando, sono stato via qualche giorno per distrarmi e devo dire che la cosa ha funzionato ho ripreso a mangiare (e con molto gusto) non ho piu nausa e sono riuscito ad allontanare i cattivi pesieri per un pò.
A questo punto però ho un sintomo che penso sia comunque riconducibile all'ansia, e cioè la sensazione di un corpo estraneo all'interno della gola, non è fisso va e viene durante la giornata, sparisce durante i pasti, anzi mangio anche un po di più proprio per alleviare questo disturbo, continuo a deglutire ed ho la gola secca.

Durante la deglutizione della saliva nel tentativo disperato di eliminare questa palla in gola che sembra di catarro, a volte sento un clak all'interno della gola come se si spostasse qualcosa. Assieme a questo sintomo l'ansia aumenta e mi sembra di avvertire dolori al petto ed il fiato corto.
tutto questo succede a giorni alterni io penso sempre dovuti ad i miei stati d'ansia, a questo punto lo specilasta è un gastroenterologo o uno psicologo?

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
... propenderei per gli aspetti psicologici.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it