x

x

Esofagite?

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Mi chiamo Francesco e ho 51 anni. Da molto tempo soffro di problemi gastrici non gravi ma parecchio fastidiosi. Circa 15 anni fa tramite gastroscopia mi è stata diagnosticata un'ernia iatale (a quel tempo soffrivo di frequenti episodi di forte dolore al centro dello sterno, dolori poi scomparsi e ripresentatisi solo in un episodio l'estate scorsa) che sembrerebbe essere la causa di questi problemi che all'inizio si presentavano soprattutto stagionalmente in forma di:
reflusso gastrico
forti dolori al torace
difficoltà di deglutizione
Il mio medico mi ha consigliato di utilizzare in quei periodi il lanzoprazolo che inizialmente prendevo stagionalmente (autunno e primavera) e che riuscivo a sospendere in inverno ed estate.
Purtroppo da quest'anno non sono riuscito più a sospenderlo perchè ogni volta che ci ho provato (anche solo a scendere alla dose di 15 mg) il reflusso torna fortissimo. Da circa un anno consecutivamente assumo quindi il lanzoprazolo da 30 mg.
Nonostante ciò nelle ultime settimane sento che anche questo basta appena a tenere sotto controllo il reflusso. Negli ultimi 15 anni (su consiglio del mio medico) ho fatto gastroscopie a cadenza regolare (ogni 5 anni) che ogni volta hanno solo riconfermato la diagnosi dell'ernia iatale.
Nell'ultimo periodo si è aggiunto un nuovo sintomo: un dolore molto fastidioso alla parte destra del torace durante la deglutizione o durante l'eruttazione.
Non fumo e non ho mai fumato, non bevo caffè, sono leggermente sovrappeso (88 kg x 1,80 cm di altezza) anche se in quest'ultime settimane tramite dieta e un po' di movimento sono riuscito a perdere qualche chilo. Assumo invece parecchio peperoncino e bevo del vino durante i pasti. Assumo inoltre dei farmaci per il controllo dell'ipertensione. Vorrei capire se si può trattare di un esofagite fino ad adesso mai diagnosticata, se è il caso che faccia un nuovo controllo endoscopico, la ragione per cui il lanzoprazolo non tiene più sotto controllo il reflusso e se è possibile comunque continuare ad assumerlo per un periodo così lungo.
Grazie per la consulenza.
Francesco
[#1]
Dr. Carmelo Favara Gastroenterologo 866 30 2
Dopo la diagnosi di malattia da reflusso non è necessario rifare gli esami endoscopici tranne se ci sono nuovi sintomi d'allarme (dimagrimento, anemia ..) quindi nel suo caso non è necessario; se lei prende solo lansoprazolo le consiglierei di aggiungere un alginato subito dopo i pasti; l'ernia iatale lei ce l'ha e non va via con la terapia ma controlla solo i sintomi. stia attento all'alimentazione.
assumere PPI (lansopraziolo e similari) per molti anni consecutivi può causare un'osteoporosi precoce; ne parli con il suo gastroenterologo.

Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#2]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dottore,
quindi questo dolore alla zona destra del torace in fase di deglutizione ed eruttazione non va interpretato come nuovo sintomo d'allarme per eventuali nuovi esami endoscopici?
[#3]
Dr. Carmelo Favara Gastroenterologo 866 30 2
Non è un sintomo di allarme, ma se fa la terapia in maniera corretta e ha delle abitudini di vita ed alimentari idonei con la patologia e i disturbi continuano allora ok per eseguire controllo endoscopico
[#4]
dopo
Utente
Utente
Purtroppo in questo momento ne l'una ne le altre...la ringrazio per la sua disponibilità e per la rapidità nella risposta.
Francesco
[#5]
Dr. Carmelo Favara Gastroenterologo 866 30 2
E allora si rivolga ad un gastroenterologo che la possa seguire.
Buone vacanze

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio