x

x

Una nuova terapia

Salve a tutti, scrivo qui per avere un consulto.
Sono infatti quasi due anni che ho quotidianamente problemi a livello di stomaco e di intestino, più o meno presenti ma che non mi danno quasi mai tregua. Questi sono i sintomi:
SINTOMI PRINCIPALI (che si verificano sostanzialmente tutti i giorni)
- Frequente presenza di stipsi durante la giornata, in particolare verso sera.
A questo spesso si alternano anche episodi di diarrea o simili, anche nella stessa giornata.
- La sera spesso sento la necessità di dover evacuare ma non riesco, e la mattina quando mi sveglio ho spesso mal di pancia e simili proprio per questo, oltre al bisogno appunto di evacuare. Non sempre dopo essere andato in bagno mi sento meglio, a volte devo andarci anche 2-3 volte solo in mattinata per far passare un po’ la cosa.
- Frequente sensazione di non sentirmi mai completamente svuotato, anche dopo essere andato in bagno.
- Formazione di aria in pancia in alcuni casi
- Alta sensibilità a spifferi d'aria, freddo e bevande fredde.

SINTOMI SECONDARI (Palesatisi più o meno contemporaneamente ai principali)
- Più frequente necessità di dover urinare
- Gonfiore nella zona perineale, sia vicino ai testicoli che vicino all'ano
- Sacca scrotale tesa e ‘contratta’ (come quando si ha freddo, si fa sport o appunto come mi capitava quando magari negli anni scorsi avevo episodi di diarrea o simili) durante tutto l’arco della giornata, in particolar modo la mattina e fino al pomeriggio, mentre verso sera generalmente la situazione migliora. Questa torna a diventare più ‘tesa’ nel momento dell’evacuazione e quando ho rapporti.

Mi sono recato da due diversi gastroenterologi. Il primo mi ha prescritto una terapia a base di IBS Active, Codex e Valpinax da seguire per 3 mesi, sospettando una sindrome da colon irritabile, ma non ha sortito alcun effetto.
Il secondo mi ha prescritto TubesColon da prendere per due settimane, ma anche questo non ha dato risultati, e ci ritornerò prossimamente per avere una nuova terapia. Ho eseguito diverse analisi del sangue (emocromo generale, celiachia, fegato, pancreas,calprotectina, proteina C reattiva etc) che sono uscite negative e hanno quindi escluso malattie particolari.
Mi sono rivolto anche ad un urologo che ha riscontrato, tramite l'esplorazione digitale rettale un'infiammazione alla prostata. Ho preso l'antibiotico che mi ha prescritto, oltre ad un antinfiammatorio (Prostalex), che ho però dovuto sospendere dopo due settimane (invece di 2 mesi) perchè mi ha dato molto fastidio aumentando ancora di più la mia irregolarità intestinale e non ho avuto miglioramenti.
Nè i gastroenterologi nè l'urologo sono stati in grado di dirmi se le due problematiche sono collegate, ma al momento mi interessa risolvere il problema o entrambi i problemi nel minor tempo possibile. C'è qualcuno nella mia stessa situzione, o qualche medico che è in grado di darmi un suo parere sulla mia situazione? Ringrazio tutti coloro che presteranno attenzione a questa discussione.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
Molto probabilmente trattasi di intestino irritabile.
La patologia prostatica può essere correlata
ha già fatto urinocoltura, spermiocoltura ecc?
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Cordiale dottor Bacosi, innanzitutto la ringrazio per la sua risposta.
Ho eseguito analisi delle urine generale e urinocoltura, ma entrambe hanno dato esito negativo, mentre non ho eseguito spermiocoltura.
Anche il primo gastroenterologo da cui sono stato ha supposto una sindrome da IBS, ma la terapia che mi ha dato non ha dato il minimo aiuto (nonostanta fosse, secondo me, non leggera come terapia). Come posso comportarmi secondo lei?
In attesa di una risposta, le porgo cordiali saluti.
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
La terapia che ha seguito non mi pare "non leggera".
L'intestino irritabile non prevede un solo approccio terapeutico e non è detto che il primo tentato sia quello "vincente".
Le consiglierei di ricontattare il gastroenterologo che la segue per modificare la terapia!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Cordiale dottor Bacosi, la ringrazio ancora per la risposta. Mi rivolgerò nuovamente al mio gastroenterologo per valutare un'altra terapia da seguire.
Le auguro una buona giornata.
[#5]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
di nulla.
mi aggiorni se le fa piacere!
[#6]
dopo
Utente
Utente
Cordiale Dottor Bacosi,
sono stato dal mio gastroenterologo per avere un'altra terapia. La sua diagnosi è stata di 'Sindrome del colon irritabile in forma mista (o variabile)' e mi ha prescritto Motilex in compresse da prendere due volte al giorno (intanto per 20 giorni, da aumentare o sospendere in caso di miglioramenti o meno). Inoltre, mi ha dato una lista di alimenti consentiti e non consentiti da seguire per 2-3 mesi.
Ho una domanda: mi ha consigliato di fare attività fisica, mentre l'urologo dal quale sono stato mi ha consigliato di evitarla a causa dell'infiammazione alla prostata. Cosa devo fare secondo lei? Il mio gastroenterologo dopo aver saputo ciò che mi ha detto l'urologo mi ha detto di seguire il suo consiglio e di non fare attività fisica, ma vorrei avere anche un suo parere.
In attesa di una risposta, Le porgo cordiali saluti.
[#7]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
Segua il consiglio dell'urologo!
[#8]
dopo
Utente
Utente
Cordiale Dottor Bacosi,
la ringrazio per il suo parere.
[#9]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottor Bacosi, sto seguendo una terapia a base di Motilex e Valpinax che sta un po' migliorando le cose, anche se non le ha risolte del tutto. Purtroppo, mi stanno portando ad avere molta stanchezza, torpore e sonnolenza, soprattutto la sera ma presenti durante tutta la giornata. So che sono delle controindicazioni tipiche di questi farmaci, ma c'è un modo per poterle contrastare? In attesa di una risposta, porgo cordiali saluti.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio