Utente 412XXX
Buonasera, sono un ragazzo di (quasi) 22 anni in cerca di aiuto per la mia condizione di salute precaria: il tutto è iniziato a settembre 2015 quando mi sono ammalato di mononucleosi, sono rimasto a riposo per circa due mesi e senza l'assunzione di farmaci lentamente sono "guarito" e le energie sono tornate; verso novembre/dicembre mi sentivo abbastanza bene anche se circa ogni 2/3 settimane mi tornava mal di gola e febbretta a 37.0.
Nei mesi successivi la situazione si stava maggiormente stabilizzando (anche se gli episodi di mal di gola ogni tanto tornavano), accusavo solo un leggero senso di stanchezza, che consultandomi con il dottore ho cercato di risolvere assumendo Polase due volte al giorno (ho eseguito l'esame della sideremia che è portato in evidenza un valore alto).
A marzo la situazione è peggiorata: un giorno mi è venuto un forte mal di gola (senza febbre) che ho cercato di curare con Oki e altri farmaci simili (che prendevo stupidamente senza aver mangiato), dopo circa una settimana di dolore persistente alla gola ho iniziato ad accusare una grossa e prolungata eruttazione dopo i pasti come se nel mio stomaco si formasse in continuazione aria. Successivamente mi sono rivolto alla dottoressa che mi ha prescritto Riopan Gel per 4 volte al giorno; dopo alcune settimane di trattamento, il problema sembrava essere migliorato per poi ripresentarsi subito dopo l'interruzione del farmaco.
Dopo la dottoressa mi ha prescritto una terapia con inibitore di pompa protonica, Omeprazen da 20 mg una volta al giorno, che ha migliorato la mia condizione diminuendo l'eruttazione, ma non ha risolto il problema anche perche il lavoro maggiore l'ho fatto io, pian piano informandomi sui cibi dannosi ed evitandoli.
A inizio marzo mi sono rivolto a un gastroenterologo che mi ha prescritto Pariet 20 mg (rabeprazolo) 30 min prima di colazione e Permotil (domperidone) 15 min prima di pranzo/cena; la terapia ha leggermente diminuito la frequenza dei miei mal di gola, ma non ha portato i risultati che speravo, visto che se esco dalla mia dieta a base di cibi in "bianco" (riso e pasta all'olio, tonno al naturale, albume d'uovo, pane, corn flakes, fette biscottate e miele) i sintomi ugualmente peggiorano (eruttazione, mal di gola).
Infine ultimamente da due/tre settimane si è aggiunto un senso di stanchezza e sonnolenza che mi rende difficile svolgere la mia routine come andare in palestra o uscire; ho provato ad assumere Polase e Supradyne senza risultato.
Ho ricondotto questo problema ai farmaci che prendo e ho deciso inizialmente di interrompere Permotil, senza aver notato grandi cambiamenti nei miei livelli energetici, ed ora interrompendo Pariet (ma riassumendo Permotil).
Avrei alcune domande da porre:
1) com'è possibile che a quest'età abbia già il reflusso?
2) c'è una terapia migliore?
3) la stanchezza è possibile che sia portata dai farmaci che assumo?
Ringrazio qualsiasi persona voglia aiutarmi.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il reflusso lo si può avere a qualsiasi età......Ha escluso eventuali intolleranze come lattosio e glutine ?


Cordialmente


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it