Utente 476XXX
Salve gentili dottori,

dopo aver effettuato numerose visite e controlli per via dei miei disturbi intestinali generali cronici (quali flatulenza, meteorismo, cattiva digestione, dolori addominali leggeri generali soprattutto a livello del sigma, distensione addominale, sensazione di intestino "indolenzito") e la formazione costante di emorroidi ad ogni atto defecatorio (che a volte non mi permettono nemmeno di studiare o sedermi ad una sedia) credo di essere arrivato ad una soluzione ma vorrei avere dei pareri da voi e delle delucidazioni in merito.
Riporto qua le mie visite e i controlli eseguiti sinteticamente: visite con tre gastroenterologi e due proctologi e controlli quali emocromo, calcoprectina fecale, esame del sangue per celiachia negativo, colonscopia e numerosi esami del sangue tutti negativi, breath test al glucosio negativo, breath test al lattosio POSITIVO MA anche togliendo latticini e derivati dalla dieta non è cambiato nulla, dieta non fermentatente senza FOODMAPs non a buon fine, test delle allergie nella norma, antispastici, normix e numerosi probiotici non sono serviti e, per quanto riguarda emorroidi, asacol 500 mg, diverse pomate, daflon 500 e legatura che non sono serviti a fermare le emorroidi.

Recentemente ho fatto una visita ecografica alle anse intestinali, tutto apposto, ma mi hanno trovato dei linfonodi un po' ingrossati e un calcolo da approfondire mediante un esame ecotomografico. Sono andato a fare questo esame e il dottore ha detto che ho una formazione ipercogena di cm 1,2 con cono d'ombra post riferibile a formazione litiasica. Il dottore era felicissimo perché pensa che sia questo il motivo della mia cattiva digestione e dei miei dolori addominali a qualsiasi cosa che mangio inoltre ha affermato (seppur con incertezza) che può essere che il mal funzionamento della cistifellea renda il passaggio delle feci più acido causando emorroidi. Mi ha detto che la soluzione è rimuovere la colecisti.

Io sono un po' preoccupato e non so cosa pensare, dopo 3 anni che sono in ballo con questo problema, secondo voi può essere questo calcolo a crearmi questi problemi? Inoltre, una volta tolta la cistifellea può essere che i problemi non solo non migliorino ma peggiorino?
Ringrazio in anticipo e attendo risposta.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le emorroidi non hanno nessi con la cistifellea.

La colecistectomia potrebbe migliorare la sua situazione ma deve parlarne con chi la tiene in cura.

Senza visita non si può dire molto.

Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 476XXX

salve dottore, noto con piacere che mi ha subito risposto dopo sole poche ore. Credo che non abbia capito: io la visita l'ho già fatta, il dottore mi ha detto che è felice di aver trovato, secondo lui, la causa a tutti i mali, solo che io sono ancora abbastanza preoccupato perché ovviamente una volta tolta la cistifellea questa non ricresce più, ovviamente. Il punto è che volevo sapere se togliendola mi posso imbattere in peggioramenti al posto che miglioramenti?

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ho capito benissimo!
Per risponderle dovrei visitarla!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia