Utente 388XXX
Buongiorno dottori,

ho fatto la gastroscopia ma purtroppo non mi sono state date molte spiegazioni pertanto devo basarmi solamente su quanto scritto nei fogli che mi sono stati lasciati. Non capisco bene che cos'ho, e volevo avere una delucidazione sulla mia situazione. Riporto di seguito quanto scritto.

Referto

Esofago: decorso regolare; motilità e calibro ridotto ma transitabile senza difficoltà con strumento standard. Impronta diaframmatica coincidente con giunzione esofagogastrica. A livello della giunzione squamo colonnare si osserva ulcerazione lineare di 8 mm circa, senza segni di sanguinamento con erosioni lineari circostanti non confluenti. Si eseguono biopsie in esofago medio.
Stomaco: mucosa antrale lievemente iperemica. Nulla a corpo e fondo (retroversione). Anello pilorico pervio, normotonico. Si eseguono biopsie in antro e corpo.

Conclusioni diagnostiche:
Esofagite di grado B secondo Los Angeles con singola ulcerazione della giunzione squamocolonnare.
Lieve gastropatia antrale

Come cura mi sono stati dati Pantoprazolo 40 mg e Gaviscon per 4 settimane (e probabilmente anche oltre con un calo, ma non viene specificata la tempistica se non da rivedere dopo esame istologico). .

La mia richiesta a voi dottori e quella di poter capire cos'ho esattamente, e sapere se la mia é una situazione in cui sia possibile guarire.
Aggiungo inoltre che la gastroscopia l'ho fatta perche da oltre 1 anno ho problemi di digestione, lenta, lunga e difficilmente riesco ad eruttare, spesso mi aiuto muovendomi. Puo dunque essere questa la causa del mio problema? E possibile guarire da questa situazione?

Ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non si allarmi. Si tratta di un'esofagite da reflusso e la terapia è adeguata. Si guarisce. Ecco gli accorgimenti alimentari:

https://www.medicitalia.it/salute/gastroenterologia-e-endoscopia-pdigestiva/44-reflusso-gastroesofageo.html

Cordialmente

.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 388XXX

Salve dottore, la ringrazio per la risposta.

In realta non ho avuto spesso sintomi da reflusso, ho reflusso solo quando mangio determinati cibi (che ora sto evitando) per il resto mi accade, ma molto raramente, potrebbe essere che questo procedimento si verifichi senza che me ne accorga?

L'unico sintomo che ho da un anno a questa parte e che davvero mi disturba tanto e quello della difficolta a digerire. Impiego molte ore in piu del normale per digerire, spesso devo aiutarmi muovendomi per stimolare l'eruttazione. Puo questo essere dovuto all'ulcera/esofagite b los angeles?

Per quanto riguarda le cure inizio oggi stesso, solo una domanda, esiste una grande differenza tra gaviscon e gaviscon advance? Vanno bene entrambi?

(purtroppo non riesco ad aprire il link, mi indirizza nella pagina salute, senza traccia dell'articolo).

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Vanno bene entrambi i prodotti. Ecco l'articolo:


https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-il-reflusso-gastro-esofageo-a-tavola.html
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 388XXX

Grazie.

Puo' quindi essere l'ulcera a causare il rallentamento della digestione? Esiste una reale correlazione?

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Direi proprio di no.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 388XXX

A cosa puo essere dovuto allora? Tutti i miei problemi sono sorti la scorsa estate dopo aver preso alcune pastiglie di un prodotto apparentemente innocuo. Da quel momento ho avuto una digestione rallentata, specialmente con carne e derivati, questa digestione mi sta condizionando in maniera estremamente negativa la vita.
La cosa piu significativa del foglietto illustrativo era questa: "Gli estratti di Rhodiola rosea sono potenziali inibitori dell'enzima CYP450". Dopo aver avuto i primi problemi digestivi tutto sembrava tornato normale. Ma poi un mese e mezzo dopo i problemi sono tornati e non sono ancora passati... nessuno riesce bene a capire a cosa sia dovuta questa digestione lenta... speravo fosse questa ulcera il problema, ma se lei mi dice di no allora non so piu cosa pensare...

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Comprendo, ma non sempre la diagnosi è evidente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it