Utente
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 21 anni (non fumatore), scrivo perché da circa una settimana sono ricomparsi (per l'ennesima volta) i sintomi di una gastrite cronica diagnosticatami un anno e mezzo fa.

Il sintomo principale è quello di pesantezza al livello dello stomaco che nei casi peggiori mi fa sentire come se mi mancasse il respiro, non al punto di avere fiato corto ma se inspiro profondamente sento fastidio (e non riesco a trattene il respiro).
Talvolta, quando è più forte è come se sentissi risalire il cibo in gola.
Tipicamente mi capita 4 ore dopo i pasti (o più, difatti alcune volte mi sveglio già con questo fastidio) mentre subito dopo mangiato tipicamente non ho fastidio.

Un anno e mezzo fa, riferendo i sintomi al gastrologo mi è stato detto di fare una gastroscopia con biopsia, dalla quale mi è stata diagnosticata una gastrite nervosa, oltre alla positività all'Helicobacter pylori.
Il medico evidentemente però non ha ritenuto necessario fare una terapia per quest'ultimo, mi ha prescritto levobren e valpinax, che ho preso per qualche mese poi smettendo gradualmente con la scomparsa dei sintomi.
Ho anche fatto un esame dall'otorinolaringoiatria che mi ha diagnosticato il reflusso ma lo stesso gastrologo ha detto che non era presente e che è la gastroscopia l'esame rilevante.
Ho fatto anche una radiografia del torace e non è stato rilevato nulla (il medico aveva supposto fosse asma), e al cuore uguale.

A marzo di quest'anno c'è stata una ricomparsa (riconosco che il periodo è stato particolarmente stressante a causa della pandemia) ed è stato fastidioso a tal punto che ho invertito giorno e notte, poiché per il fastidio non riuscivo a dormire.

Ciò è durato circa un mese, prima di stare meglio, ho quindi deciso di rivolgermi ad un altro gastrologo, il quale mi ha fatto fare il test delle feci, dopo aver sentito che il primo medico non mi aveva mai fatto una cura per Helicobacter pylori, per escluderlo dalle cause.

Ovviamente ero positivo, dunque ho preso gli antibiotici ed effettuato l'eradicazione (durante l'estate).
In tutto il periodo (da prima della cura a qualche settimana dopo) ho avuto la nausea praticamente tutti i giorni, era abbastanza lieve e non ho mai vomitato, dopo di che è scomparso di nuovo tutto.
Mi ha fatto anche fare un ecografia e non ha riscontrato problemi.

Infine, a distanza di un paio di mesi mi ritrovo con gli stessi sintomi non fastidiosi al punto da non dormire, ne tantomeno con la stessa frequenza, ma comunque presenti, almeno un giorno si e un giorno no e non so proprio che fare.

Io non mi sento particolarmente in ansia e mi sembra strano che possa essere dato solo da quello ma mi sembra di non uscirne più.

Cosa può essere?, dovrei sentire il medico e magari fare una nuova gastroscopia?


Grazie infinite per la pazienza e la disponibilità.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non deve fare un' altra gastroscopia. Può controllare l' avvenuta eradicazione dell ' Helicobacter anche con un esame delle feci. Poi - ma il suo medico deve essere d' accordo - rifare un ciclo con la levosulpiride, che già le aveva risolto i disturbi.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la disponibilità e per la pazienza.
Avevo già fatto l'esame delle feci per verificare l'avvenuta eradicazione dell' Helicobacter.
Sono andato dal medico come mi ha consigliato e mi ha prescritto un nuovo ciclo con la levosulpiride, ha detto che i sintomi sono quelli del reflusso e mi ha prescritto anche dei farmaci per quello.
Devo ancora cominciare il ciclo perché a breve dovrò fare le analisi del sangue.
In realtà sono un po' preoccupato perché da circa 5 giorni è comparso un sintomo che non credo sia correlato ma volevo chiederglielo:
in sostanza ho una sensazione di leggero sbandamento, quando muovo la testa, come se fossi leggermente brillo e la testa fosse pesante; è una sensazione molto lieve, non ho delle vere e proprie vertigini, non vedo le cose girare e non ho problemi di equilubrio ma è abbastanza perché ci faccia caso, inoltre è presente tutta la giornata (comunque riesco a fare tutto senza problemi).

La ringrazio ancora.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
E' possibile che si tratti di riflessi, quelli che chiamiamo vagali, ma non sono sintomi importanti, nè pericolosi
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Va bene dottore, la ringrazio.
Volevo chiederle, per quanto tempo può persistere? Ormai sono 6 giorni, non noto miglioramenti.
Inoltre ieri sera credo di avere avuto un attacco di panico, mentre mangiavo oltre al fastidio alla testa avevo la nausea e sono riuscito a calmarmi prima di vomitare.
La nausea è perdurata tutta la sera, ho avuto anche un fastidio (che sentivo respirando profondamente) nella parte a centro destra appena sotto la bocca dello stomaco, comunque è passato tutto nel giro di un'ora.

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non si può dire quanto durerà un disturbo. Soprattutto quando questo è fortemente correlato alla situazione psicologica. Dovrebbe tenere conto di questa.
Prof. alberto tittobello