Nodo alla gola, Reflusso gastroesofageo?

salve, ho 20 anni e ormai da più o meno un mese avverto un fastidiosissimo nodo alla gola, che inizialmente mi sembrava aumentare sensibilmente nel momento in cui andavo a fumare, quindi nessun fastidio durante la deglutizione (tuttora tende a peggiorare quando sono disteso, soprattutto la sera, quando vado a dormire)
Nel tempo è peggiorato e pian piano mi sembra che si estenda sempre di più verso il petto, con annesso dolore (che descriverei più come un senso di fastidio, indolenzimento) rilevante localizzato più che altro tra le scapole e più in generale nella parte superiore della schiena.

In genere sono molto ansioso, ma questa volta mi sembra diverso, difatti ho chiesto al mio medico di base che mi ha indirizzato verso una visita otorinolaringoiatrica, che ho effettuato un paio di settimane fa.

Mi è stato detto che non avevo nulla di preoccupante, solo dei muchi accumulati in gola e pus sulle tonsille che, secondo il medico, mi causavano questo fastidio alla gola.

Mi è stato quindi prescritto aerosol nasale (mattina e sera) con antibiotico per 20 giorni, Spray Karos per via orale (4 volte al dì, 3 spruzzi), e uno spray nasale da assumere prima dell’aerosol.

In più una compressa di zerinol 300mg ogni sera per 7 gg.


La cura l’ho ormai terminata.
I sintomi sono fortemente debilitanti ed è un mese, ovvero da quando sono cominciati i sintomi, che ho smesso completamente di fumare (fumavo circa 10 sigarette al giorno)
Negli ultimi giorni avverto una sensazione di aria che fatica ad uscire dalla bocca, faccio molte eruttazioni nel tentativo di espellerla e mi pare che l’esofago sia bloccato e che nonostante mi sforzi rimanga sempre dell’aria incastrata.

In più si sono presentati rigurgiti abbastanza frequenti, anche se con una quantità non troppo copiosa di liquido e fastidio inerente, e tosse secca continua.

Ho pensato quindi al reflusso gastroesofageo, ergo sto tentando una cura autoprescrittami (lo so, sbagliatissimo) con bustine di biochetasi reflusso dopo ogni pasto principale e un lucen al giorno, la sera.

Qualche miglioramento mi sembra avvertirlo ma comunque il fastidio è persistente, tutto il giorno, con seri peggioramenti nel momento in cui la sera mi metto a letto (questo peggiora la qualità del sonno e spesso mi impedisce di dormire)
Mi chiedo quindi io cosa possa fare, mi conviene tentate una visita da uno specialista gastroenterologo o dovrei prima chiedere al mio medico di base?

Grazie in anticipo, attendo vostre
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 71.2k 2.3k 74
Il nodo alla gola può avere diverse origini: reflusso, stato ansiogeno, alterazioni della masticazione. Quale casa secondo lei è più probabile ?

Cordialmente

Dr Felice Cosentino Gastroenterologo Endoscopista - Milano (Clinica la Madonnina), Monza (Wellness Clinic Zucchi)

[#2]
dopo
Utente
Utente
salve, non saprei dirlo onestamente potrebbe riguardare anche l’ansia ma sarebbe strano dal momento che anche in momenti in cui non avrei motivo di essere in ansia compaiono i sintomi.
Inizialmente pensavo si trattasse di questo ma poi il problema delle eruttazioni e di qualche rigurgito più frequente del solito mi ha fatto pensare al reflusso gastroesofageo.
[#3]
dopo
Utente
Utente
aggiungo che la ringrazio tanto per la risposta, così rapida, in un giorno festivo.
[#4]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 71.2k 2.3k 74
Quindi tratterei reflusso e ansia

Dr Felice Cosentino Gastroenterologo Endoscopista - Milano (Clinica la Madonnina), Monza (Wellness Clinic Zucchi)

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto