Bruciore vaginale

Salve,
Ho 21 anni e premetto che assumo la pillola da un paio d' anni (fino a luglio Yasmin, poi Zoely tutt'ora) senza utilizzare ulteriori metodi contraccettivi e che nell'ultimo periodo (1 anno/sei mesi) i casi di cistite, a cui sono soggetta, sono sensibilmente aumentati. Gli ultimi casi li ho curati con successo via Monuril, Cistalgan e quant'altro. L'ultimo, la settimana scorsa, sembrava esser stato risolto con Monuril dopo un giorno, due. Sono poi passati giorni in cui stavo bene e non avevo piu alcun sintomo della cistite appena passata.

Fino allo scorso weekend. Subito dopo la doccia, ho inziato ad avvertire un pizzico-bruciore alle vie urinarie basse, che a intermittenza di alcuni secondi mi lanciava delle fitte molto piu acute. Passata la notte, la mattina seguente lo avverto ancora, sempre alternando momenti di lieve fastidio a fitte piu importanti. Nel tardo pomeriggio diventa praticamente costante e molto piu forte. Per scomparire QUASI del tutto una mezz ora dopo questa fase continua. Ho assunto un Cistalgan alla sera e fino al giorno seguente sembrava rimasto solo un leggero fastidio. Mi sono recata dal medico di base che mi ha prescritto urine e urinocultura. Effettuate ieri mattina. Ad oggi il fastidio sento che sta riaumentando (continua ad alternare pause a bruciore) accompagnato da uno stimolo maggiore del normale a urinare (nonostante il bruciore NON si acutizzi nel momento della minzione come nella classica cistite) e a una sensazione di vescica mai completamente svuotata. In attesa del responso delle analisi, ho chiesto al medico qualcosa che mi allievi questo fastidio: mi ha prescritto Noroxin compresse per 3 giorni.

Cosa devo pensare? Somiglia ma non ha tutti gli aspetti di una classica cistite! E preciso che Non ho alcuna perdita. Inoltre ho notato che il primo giorno in cui si e ripresentato questo sintomo avevo avuto un rapporto con il mio partner, può essere legato? Aspetto risposte e indicazioni


Grazie
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 55,1k 1,2k 1k
Gentile lettrice,

un rapporto sessuale in alcuni casi, anche su una base solo meccanica, può scatenare o riscatenare una sintomatologia simile a quella da lei indicata che potrebbe essere anche legata ad una infiammazione delle vie urinarie.

Se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tale problematica urologica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/199-cistiti-ed-uretriti-quando-l-urina-brucia.html.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta,

la volevo aggiornare sulle risposte delle analisi (urine e urinocultura). Sono risultate negative. Tranne cellule nel sedimento e 4/5 leucociti.
Sentito il mio medico, consiglia di aspettare visto che non sono state riscontrate infezioni batteriche.

Ad oggi i sintomi sono migliorati ma non del tutto scomparsi. Alcuni giorni (in cui bevo molto e ho la possibilita di andare spesso ad urinare) mi sento molto meglio, il bruciore non lo avverto. Invece mi continua a capitare nei giorni in cui per lavoro sono costretta a bere meno non potendo andare al bagno troppo spesso, riavverto il bruciore che precedentemente le avevo indicato. Osservando con attenzione il sintomo ho notato che dopo aver urinato lo sento di piu, fino ad ore dopo. Accompagnato da brividi di freddo e dolori lombari localizzati all'altezza dei reni. Il Noroxin che ho preso per 4/5 giorni quindi non ha risolto la cosa.

Vorrei un gentile consiglio riguardo eventuali altre analisi o esami da effettuare (tampone? ecografia? altro?) oppure visite (ginecologica? urologica?). Lei dice che potrebbe essere un'infiammazione alle vie urinarie, lo credo anche io, ma cosa fare per guarire?

Dopo due settimane di alti e bassi in cui il sintomo sembra scomparire e poi riapparire sono davvero sconfortata.

Grazie
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 55,1k 1,2k 1k
Gentile lettrice,

segua le indicazioni ricevute dal suo medico di fiducia; a lui l'indicazione per una eventuale valutazione specialistica, ecografie ed altre indagini, tipo uroflussogramma registrato od altro da fare.

Ancora cordiali saluti.

La cistite è un'infiammazione della vescica che si avverte con frequente bisogno di urinare, con bruciore o dolore. Si può curare con farmaci o rimedi naturali.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test