Utente
Egr. Dottore,

Desidererei avere un suo parere sull' esito di un pap-test che mia sorella di 65 anni ha fatto. Le descrivo i campi contrassegnati dalla crocetta:
- Striscio valutabile ma limitato da CUPOLA VAGINALE
- infezione da miceti
- alterazioni reattive associate a: atrofia con floglosi Severa
- cheratosi - riparazione tipica
altre: ESTROGENICO

Mia sorella ha avuto l'asportazione dell'utero per sopravvenuta setticemia all'età di 30 anni il giorno che ha partorito la sua prima e unica figlia. Nel 2004
in seguito ad una cisti ovarica liquida le sono state asportate le ovaie e il collo dell'utero.
Il pap-test l'ha fatto dopo anni ( è stato detto che non si esegue più in seguito ad un' isteroctomia totale ) in seguito a prurito ed un po' di bruciore che spesso aveva e ha curato come cistite.

Quello che gentilmente Le chiedo è se il responso del pap-test ci può tranquillizzare, cos'è la cupola vaginale,e cosa dovrebbe fare per questo prurito.
Grazie per la disponibilità.

[#1]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
La cupola non è altro che l'apice della vagina a fondo cieco che è stata suturata quando è stato asportato l'utero. Il prurito può essere causato in parte dalla micosi che necessita terapia specifica e in parte dall atrofia w cioè secchezza w infiammazione
Dr. Silvia Lovergine

[#2] dopo  
Utente
Gent.ma Dottoressa Lovergine,

prima di tutto grazie per la celerità della risposta , ma che cos' è l'atrofia w cioè secchezza w .
Il non aver effettuato il pap-test per tanti anni può aver contribuito e provocato queste infiammazioni. Qual è la Sua opinione a riguardo? Grazie.


[#3]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Latrofia rappresenta uno stato di assottigliamento della mucosa con conseguente secchezza e disidratazione causata dalla carenza estrogenica che è presente in menopausa. No non significa nulla è proprio la condizione suddetta che predispone ad avere infiammazione mancando la protezione delle secrezioni stimolate da ormoni e la maggiore fragilità e delicatezza della mucosa. Il non aver eseguito il pap-test ha contribuito però a non aver evidenziato eventuale presenza di cellule maligne della cervice.
Dr. Silvia Lovergine

[#4] dopo  
Utente
Gent.ma Dottoressa Lovergine,


Mi può chiarire " l' evidenziazione di un eventuale presenza di cellule ecc." è una possibilità che possa verificarsi in generale, perché il responso del pap-test si riferisce al referto di alterazioni cellulari benigne . Grazie.

[#5]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Il pap-test è un test di screening per le patologie maligne a carico della cervice uterina. Ovviamente va ripetuto annualmente proprio per questo scopo è cioè intercettare la presenza di neoplasie in modo precoce. Nel suo caso non è stata riscontrata alcuna presenza di ciò ma non avendolo eseguito per molto tempo l ha esposta a questo rischio. Spero di essere stata più chiara
Dr. Silvia Lovergine

[#6] dopo  
Utente
Gent.ma Dottoressa Lovergine,

Ho saputo solo oggi che mia sorella ha fatto un esame istologico: una biopsia angolo vaginale destro ed oggi ha ritirato il responso, la diagnosi è la seguente: Frammento bioptico di parete vaginale con flogosi cronica, attiva, focalmente erosiva; edema e lieve infiltrazione ematica del corion subepiteliale. Epitelio privo di alterazioni istologiche.

Cosa vuol dire. Possiamo stare tranquille con questa diagnosi anche perché la cervice uterina è dal 2004 che le è stata asportata. Dovrà fare qualche cura periodicamente. Cosa ci consiglia a seguito del referto?
La ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità.

[#7]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Non avendo più l'utero è normale eseguire il pap-test sulla cupola vaginale e così anche il prelievo bioptico che riporta la presenza di infiammazione da diverso tempo e attualmente presente senza però nulla di preoccupante. Di certo però dovrà sottoporsi ad alcune terapie anche locali antinfiammatorie e contro eventuali infezioni subentranti e poi a lungo termine e periodicamente a terapie cicatrizzanti e riepitelizzanti.
Dr. Silvia Lovergine

[#8] dopo  
Utente
Grazie Dottoressa Lovergine, ci ha veramente tranquillizzate. Le auguro anche a nome di mia sorella, buon lavoro e tante soddisfazioni.