Utente
buongiorno, sono Valentina ho 31 anni ieri ho fatto la translucenza nucale presso l'ospedale del mio paese ieri ero di 13+1 e il feto è di 68 mm e i valori sono tutti perfetti quindi basso rischio per tutte e 3 le trisonomie, il problema che è venuto fuori al momento dell'ecografia è che al cordone ombelicale si sono viste due "cisti"
le scrivo la dicitura nelle note che ha riportato il ginecologo:
-plgf 37.7
-arteria uterina dx pi 5.7
-arteria uterina sx pi 2.4
-rischio preclampsia prima della 34°settimana 1/552
-si segnala immagine cistica doppia mm20 e 12 a carico del funicolo.
-apparente.
cosa ne pensa di queste cisti?
io sono un po preoccupata perche in ospedale mi dicono che è una cosa anomala, ha ricontrollato piu e piu volte e vedono che è tutto chiuso perfettamente quindi nessuna fuoriuscita di intestino o di vescica.
ringrazio anticipatamente
saluti Valentina

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Le cisti del funicolo ombelicale possono essere di varia catalogazione anatomica; possono essere cisti onfalo-mesenteriche (a carico del dotto omonimo, in genere collocate in prossimità dell'ilo placentare) o cisti allantoidee o ciò che resta di un precedente ematoma del funicolo.
In questi casi la determinazione del cariotipo fetale con villo od amniocentesi non viene consigliata in prima istanza semplicemente per questa patologia. Il management consiste nel controllo ripetuto delle formazioni cistiche in tema di volume e di possibile compromissione del flusso cordonale che devono essere attentamente monitorati con l'eco bidimensionale e con la flussimetria Doppler dei vasi ombelicali tanto a monte quanto a valle dell'area sede delle cisti, per documentarne un eventuale dislocazione e compressione ab estrinseco.
La flussimetria Fetale ed il riscontro delle ecobiometrie del feto possono essere, infine, un utile parametro di valutazione riguardo alla normalità del flusso utero-placento-fetale o di una sua eventuale alterazione.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore ma secondo lei dovrei tranquillizzarmi un po nel senso che non è' poi così tanto grave il mio problema oppure preoccuparmi? Loro hanno inviato le foto delle mie eco a Milano e attendono un riscontro ma non so che pensare di queste due cisti.. Il bambino cresce ma ho la paura che "un giorno" blocchino ossigeno sangue e nutrimento al bambino...

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Come le dicevo, il pericolo è quello delle alterazioni possibili del flusso cordonale da compressione dei vasi funicolari, specie se ci si trova di fronte a cisti onfalo-mesenteriche o cisti allantoidee.
Molto semplicemente: se, per ora, non vi sono elementi tali da giustificare preoccupazioni circa il flusso cordonale (Doppler negativo), si correlerà questo dato a quello volumetrico delle cisti; mantenendo lo steso volume nel tempo le cisti non saranno, come non sono in grado, ora, di determinare anomalie emodinamiche. Solo un loro incremento volumetrico significativo dovrà, eventualmente, far temere, ma sempre dopo aver eseguito le flussimetrie dovute.
Si tratta di patologie alquanto rare. Nella mia esperienza di circa 27 anni e di migliaia di ecografie eseguite ne ho riscontrate poche, anche perchè molto spesso la loro visualizzazione è resa difficoltosa dalle spiralizzazioni del funicolo stesso e dalla sovrapposizione di due o più anse nella stessa scansione ecografica.
In tutti i casi da me osservati (ne ricordo 3 o 4) non vi furono assolutamente problemi di sorta, per cui mi sento, a ragione, di rassicurarLa.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente
Buonasera dottore la disturbo ancora dopo il nostro "virtuale" colloquio ho fatto amniocentesi e l'esito l'ho ritirato stamattina e le trascrivo le stesse cose:
Sono state analizzate 23 metafasi da 12 cloni cellulari provenienti da 3 colture a lungo termine "in situ". Tutte le metafasi presentano un assetto cromosomico femminile a 46 cromosomi in cui non si sono osservate alterazioni numeriche o strutturali.
Mi hanno anche rilasciato l'esame dell'alfa fetoproteina e risulta essere 26527 ng/ml quando il valore di riferimento è' dai 3253 ai 20482
Da quello che vedo l'amniocentesi perfetta e prima translucenza nucale perfetta con relative eco per il cordone ombelicale cistico non sono stati rilevati particolari fuori dalla normalità
Lei dottore cosa pensa di questa Alfa fetoproteina? Preoccupante? Le ricordo solo che ho un arteria ombelicale unica e non so se può essere d'aiuto
Grazie mille

[#5]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
IL risultato dell'amnio è perfettamente normale.
L'alfafeto è più elevata. Lei è una fumatrice?
Teoricamente le cisti funicolari potrebbero comportare un lieve incremento dei livelli di alfafeto.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Utente
Si sono una fumatrice da 13 anni dice che è' quello?
Lo so dovrei smettere ma un pochino ho diminuito..
La ringrazio tantissimo

[#7]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
IL fumo interferisce notevolmente. Può spiegare l'incremento dell'alfafeto.
Per il buon prosieguo della gravidanza farebbe bene a SMETTERE completamente di fumare.
Inoltre Le consiglio fin d'ora un attento monitoraggio del Doppler delle arterie uterine. 13 anni passati a fumare non sono uno scherzo per il sistema vascolare. Si dovrebbero evidenziare fin da subito eventuali anomalie velocimetriche arteriose uterine al fine se non di evitare (penso sia difficile) ma quanto di ridurre l'entità di un ritardo di crescita intrauterino del feto, statisticamente più frequente nelle donne che hanno un passato di fumatrici da più di 10 anni.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli