Utente

Buongiorno,
sono in gravidanza 15+1 e da 7 giorni ho perdite ematiche scure, non abbandonanti, ma accompagnate da grumi, dapprima molto consistenti, ad oggi più sporadici.
Vi racconto brevemente il mio trascorso.
Già dalla 6° settimana, ho subito eventi emorragici, anche abbondanti, per distacchi della area coriondeciduale.
In 6° settimana, emorragia e distacco di 9mm.
In 8° settimana, nuova emorragia, molto abbondante, con conseguente ricovero ospedaliero e riscontro di un distacco di 25mm. Ad eco di controllo effettuata dopo 2gg, e successivamente dopo ulteriori 5, il distacco risultava già completamente riorganizzato.
In 12° settimana, nuova emorragia e riscontro distacco (non in area placentare) di 45mm. Ad eco di controllo effettuata solo 5 ore dopo (traslucenza nucale), e successivamente dopo ulteriori 3 gg, il distacco risultava completamente riorganizzato.
Ad oggi, e da 7 giorni, perdite ematiche molto scure, con grumi inizialmente anche di 2/3cm.
Effettuata eco in PS, non risultavano evidenti segni di distacco, ma presenza di sangue nel canale.
Sin dal primo evento in 6° settimana, seguo cura con progesterone in ovuli (2 al gg) e riposo quasi assoluto (avendo la possibilità di lavorare da casa, nel letto al videoterminale, interrompo il riposo solo per controlli/analisi).
I medici finora consultati (3 di PS sempre differenti, lo specialista ecografo e la ginecologa che mi seguono in gravidanza) non hanno azzardato ipotesi di diagnosi, e in generale poiché il feto non ha mai evidenziato sofferenza (crescita, battito nella norma del periodo) si sono sempre mostrati ottimisti visti anche i valori delle analisi sangue/urine perfettamente nella norma.
Seppur consapevole che senza accesso alle analisi/immagini le Vostre possono essere principalmente ipotesi dettate dall’esperienza in casi simili, gradirei tantissimo un ulteriore parere, anche di tipo generico quale ad esempio proposte di ulteriori esami diagnostici/visite specialistiche.
Capisco dai miei medici che è una situazione abbastanza comune e non necessariamente allarmante, ma credo si possa immaginare lo stato di tensione di una gestante che da 2 mesi vive nell’ansia di nuovi eventi emorragici con conseguenze al feto.
In attesa di un Vostro cortese riscontro,
Saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La storia clinica che mi racconta mi porterebbe a pensare a un problema localizzato sul collo uterino, come un ectropion( più noto come " piaghetta ") un piccolo polipo del collo uterino , ad una cervicite ( infiammazione del collo uterino). Queste patologie portano a piccoli sanguinamento e non ad una minaccia di aborto.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Gentillissimo Dott. Blasi,

la ringrazio per la rapidità della risposta.
Forse varrebbe menzionare che il 1 Luglio, lì dove ultimo ciclo è datato 9 Luglio, ho subito un'isteroscopia per rimozione di due polipi uterini.
Da qui la supposizione, che eventuali ulteriori anomalie potessero essere evidenti già in quella fase, e di conseguenza se non individuate, assenti.
E' comunque possibile che tali problemi non siano evidenziati in ecografia?
C'è un esame possibile (non invasivo come una isteroscopia diagnostica) che possa darne evidenza?
Grazie mille,
Saluti

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In gravidanza NON SI ESEGUE LA ISTEROSCOPIA.
Con lo speculum si potrebbe evidenziare un polipo cervicale.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott. Blasi,

le scrivo per un nuovo consulto questa volta relativo ad un nuovo problema occorso durante la mia gravidanza.
Non ho più subito perdite ematiche successive al nostro ultimo contatto, ma purtroppo, in 19 settimana mi è stato riscontrato "per caso" un accorciamento del collo.
In fase di controllo osterico, data la posizione cefalica della bamina hanno eseguito una ecografia trasvaginale per verificare le misure della circonferenza cranica.
In quell'occasione la mia curante ha notato un accorciamento dell'utero (con misurazione 3.2 cm), svasamento interno e collo morbido ma chiuso.Molto allarmata, la dottoressa ha prescritto riposo TOTALE (ad esclusione dei bisogni fisiologici), magnesio DAV (2cp al giorno) ed una fiala di lentogest intramuscolo ogni 3 gg (prima come detto a cura di proggefik 200 in ovuli dalla 6 settimana senza interruzioni) e si è raccomandata di comunicarle qualsiasi tipo di "problema" incluse eventuali perdite chiare.
Seguendo il suo consiglio il giorno dopo ho comunicato di perdite trasparenti, non abbondanti (e di certo non "nuovo evento" poichè riscontrate anche nelle settimane precedenti) e lei ha consigliato immediato consulto in PS.
Al PS, dopo aver riportato i sintomi e gli esiti della precedente visita, hanno riscontrato collo chiuso ma morbido. sotto mia insistenza hanno effettuato una cervicometria che è risultato di 3.7cm. Rispedita a case con consiglio di "cambiare ginecologo e gestire meglio l'ansia".
Come concordato, ieri (a 7 gg esatti dalla precedente visita con la mia curante), ho effettuato un nuovo controllo con la mia ginecologa che ha riscontrato una misurazione di 2.5 cm, utero chiuso ma molto morbido.
La dottoressa considera la situazione critica, suggerisce di consultare una struttura di terzo livello per eventuale parto prematuro e rimanda eventuali decisioni a successiva visita ecografica, prevista per il prossimo martedì (a 7 gg di distanza) quando in fase di morfologica dovrò effettuare una nuova cervicometria. Fino ad allora, stessa terapia e riposo totale.
Evitando ogni commento sui discordanti pareri/misurazioni ricevute da PS e curante, vorrei chiedere un consulto in merito alla prossima cervicometria, poichè la mia curante è propensa a suggerire un cerchiaggio (prox settimana sare in 21) nel caso la cervicometria confermasse risultati degenerativi.

Valga la pena menzionare, a precedente urinocultura (effettuata 40 gg fa, in attesa di nuovi risultati) è stata riscontrata Klebsiella positiva a 200.000 unità.
Inoltre credo di avvertire lievi contrazioni principalmente la sera, irregolari, nonostante il riposo totale.

In attesa di un Suo riscontro, Gentili saluti

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno,
Aggiorno la situazione nella speranza di una cortese risposta.
Sabato nuova visita in PS sotto consiglio della curante per delle contrazioni deboli e mobimenti fetali molto bassi.
Nuova cervicometria di 20mm.
Terapia con lentogest e dav confermata, e in aggiunta difesan ovuli alla sera.
Sconsiglio di cerchiaggio e previsioni non favorevoli sul proseguimento della gravidanza.
Mi hanno consigliato di posticipare morfologica di 7 gg per evitare ulteriori interruzioni al riposo.
Sono adesso alla ricerca di uno specialista parti pretermine e struttura di supporto nella speranza che magari si possa pensare ad un ricovero preventivo fino a settimana piu favorevole (oggi 20+4)
Un suo parere sarebbe graditissimo
Saluti

[#6]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Bisogna valutare bene il caso dal punto di vista clinico, non sono in grado di esprimere un parere.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI