Utente 381XXX
Buongiorno, ho 31 anni e da un anno ho una ciste endometriosica di 4cm, endometrio disomogeneo, utero retroverso, ovaie kissed e cicli abbondanti e dolorosi. Per questi motivi mi è stata prescritta dapprima Sibilla e poi Yaz ma mi davano continui problemi di spotting. Il mese scorso ho sospeso Yaz e sono stata benissimo, senza spotting, brufoli, ritenzione idrica e con mestruazioni al 30º giorno, praticamente per me regolari come prima della pillola. Al controllo la situazione endometriosi ovviamente è rimasta invariata. Mi è stata così prescritta Klaira, l'ho assunta la sera del primo giorno di sangue rosso vivo (tralasciando il giorno precedente di blande e sporadiche perdite scure e molto leggere) e l'ho continuata a prendere ogni giorno alla stessa ora. La notte del 5º giorno di assunzione ho avuto un rapporto completo con il mio compagno coetaneo, vi chiedo:
l'ho assunta correttamente?
Dopo quanto inizia l'effetto contraccettivo, posso essere a rischio gravidanza?
Perché ho letto che Klaira, a differenza delle altre, rilascia diversamente gli ormoni nel corso del ciclo. Dalla 9º pillola ho iniziato ad avere crampetti al basso ventre e leggerissimo spotting, dovuti alla pillola o ad una potenziale gravidanza in atto?
Ad ogni modo spero questa di riuscire a tollerarla meglio delle altre due precedenti e, salvo sempre un consulto con il mio ginecologo, ritenete che Klaira possa essere valida per tenere a bada l'endometriosi o pensate ce ne siano di altre migliori e si quali?
Grazie mille per la disponibilità e mi scuso tanto per le innumerevoli domande. Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'assunzione della pillola Klaira è stata corretta e l'effetto contraccettivo parte dal primo confetto assunto, quindi nessun problema.
Per il problema ENDOMETRIOSI il gold standard é l'assunzione continua di una pillola con un solo progestinico ( DIENOGEST) per ovvi motivi non é possibile menzionare il nome commerciale, procurando una amenorrea per la durata della terapia, per poi passare alla pillola estroprogestinica.
Tutto dipende dalla risposta alla terapia, monitorando eco graficamente la cisti.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 381XXX

La ringrazio Dottore è stato davvero gentilissimo. Ora sono più tranquilla. Complimenti sinceri a Lei e tutto lo staff che offrite un servizio utile, affidabile ed in modo tempestivo. Grazie ancora e buona domenica.