Utente 487XXX
Salve,
Volevo fare una domanda, l'argomento è già trattato ma ho dei dubbi per i quali non ho trovato risposte. Ho letto che per il passaggio da un sistema contraccettivo combinato ad un altro (come nel mio caso) è necessario iniziare il blister della nuova pillola attaccandolo al vecchio. Sono andata dalla mia ginecologa nella settimana di pausa e lei mi ha detto di iniziarla normalmente come avessi fatto con la vecchia pillola, quindi al settimo giorno di sospensione, dicendomi che ero protetta come sempre. Ho letto che questa modalità viene prescritta, più raramente, e si è protetti se si passa ad una pillola con uguale o più alto dosaggio, giusto?
Non riesco a capire percio se sono protetta per questo nuovo blister che ho iniziato oggi, passando da Sibilla a Klaira che è quadrifasica e perciò non capisco se è a più alto dosaggio o meno. Ho anche avuto un rapporto non protetto nella settimana di pausa, al secondo giorno e subito dopo mi sono arrivate le mestruazioni. E non capisco come di fronte la mia perplessità in quanto anche sul foglietto illustrativo c'è scritto di non fare pause fra i due blister, la ginecologa mi abbia rassicurato mentre da quanto ho capito non è proprio così. Grazie mille in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Solitamente per abitudine il passaggio , da un tipo di pillola all'altra , avviene iniziando dal momento della comparsa del flusso mestruale da privazione. In tutta onestà non ho compreso bene la seconda parte della domanda , dovrebbe riformularla .
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI