Utente 488XXX
Buongiorno, ho 31 anni, un ciclo regolare di 28 giorni, le mestruazioni durano tre giorni (di cui due di flusso normale e uno con flusso scarso), sono molto dolorose il primo giorno e sono precedute da qualche giorno di umore nero (eufemismo: i giorni prima del ciclo ho pensieri particolarmente brutti).
A 19 anni sono stata operata al seno sx per togliere un fibroadenoma (se non ricordo male di dimensioni intorno ai 4 cm). Prima di toglierlo durante un colloquio con la ginecologa del consultorio mi venne sconsigliata la pillola anticoncezionale, che dunque non ho mai richiesto fin'ora.

La domanda è questa:
È plausibile assumere la pillola del giorno dopo (esempio Norlevo) unicamente con lo scopo di ritardare il ciclo?

L'ho già assunta due volte: la prima volta sotto i 20, la seconda a 28. Entrambe le volte l'ho presa per avitare una possibile gravidanza. L'ultima volta che l'ho assunta, ricordo che il ciclo arrivò in ritardo.
Dopo un paio di ricerche su internet ho però letto che la pillola del giorno dopo potrebbe anche anticipare o lasciare invariato il ciclo.

In sostanza, la pillola del giorno dopo sposta il ciclo? L'eventuale spostamento può dipendere da quando la si assume (prima o dopo l'ovulazione)? O non c'è modo di sapere se il ciclo verrà anticipato, posticipato o resterà invariato?

Ultima domanda che spero non risulti troppo Off topic: l'unico modo per ri-programmare il ciclo mestruale è la pillola anticoncezionale? Immagino di si... E per ora ringrazio chi vorrà dar luce ai miei dubbi.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ritengo non corretto (se non addirittura dannoso ) l'uso della contraccezione post-coitale o di emergenza per spostare le date dei flussi mestruali.
Se la donna per vari motivi è impossibilitata all'assunzione degli estrogeni (vedi patologie senologiche ) , come nel caso di pillola, anello vaginale e cerotto , può ricorrere all'uso della cosiddetta "minipillola" che contiene soltanto un progestinico o all'inserimento di un sistema intrauterino IUS come JAYDESS (levonorgestrel ) .
Mi auguro di aver dato luce ai suoi dubbi
Luminosi saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI