Utente 509XXX
Buonasera Dottore,
Le scrivo per un dubbio che mi tormenta da qualche giorno.
Durante il secondo giorno di flusso mestruale ho avuto un rapporto anale non protetto con il mio fidanzato.
Non crediamo ci sia stato uno spostamento del liquido eiaculatorio, che per altro è risultato essere estrmamente liquido, ma come può immaginare (un po’ per l’ansia forse) nessuno dei due pare esserne più così sicuro.
Essendo nel pieno del ciclo mestruale io portavo un assorbente interno che ho provveduto a cambiare subito dopo essermi lavata al termine del rapporto.
Ora la mia domanda è quante possibilità ci sono di incorrere in una gravidanza con un rapporto di questa natura, avvenuto il secondo giorno del ciclo? La presenza dell’assorbenre può in qualche modo aver influito (positivamente o negativamente) ai fini della protezione?

La ringrazio in anticipo
Federica

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non sussistono le condizioni per l'insorgenza di una gravidanza indesiderata , si tranquillizzi.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 509XXX

La ringrazio per la tempestività Dottore. Buona serata

[#3] dopo  
Utente 509XXX

Buongiorno Dottore,
Torno a disturbarla per un ulteriore consulto riguardo alla mia situazione. Ammetto che ora a ridosso dell’arrivo del ciclo sono tornata ad avere molta ansia.
La aggiorno sulla situazione...
A distanza di 9 giorni dal rapporto sono stata visitata dalla mia ginecologa che, per tranquillizzarmi, ha valutato ecograficamente lo stato della mia ovulazione. Durante la visita la Dottoressa ha visto un endometrio con aspetto trilaminare ben definito e un follicolo all’ovaio sinistro. Ha quindi ritenuto opportuno tranquillizzarmi dicendo che mi trovavo ancora in fase preovulatoria (che sarebbe probabilmente avvenuta nei 2/3 gg successivi) e che a 9 giorni dal rapporto non correvo rischio di eventuale gravidanza.
Al momento le sue parole mi avevano molto rassicurata, se non fosse che a distanza di 4/5 giorni dalla visita ho iniziato ad avvertire un forte dolore al seno che persiste dopo 15 giorni seppur in modo altalenante.
Ad oggi non avverto sintomi di mestruazioni imminenti (dovrebbero arrivare intorno a venerdì/sabato) se non questo fastidio al seno che non passa. È possibile che sia in parte dovuto ad una sollecitazione delle ghiandole durante l’ecografia al seno? Devo temere che sia sintomo di un principio di gravidanza?
La ringrazio molto in anticipo.
Federica

[#4] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se l'idea della gravidanza la perseguita deve eseguire un test di gravidanza.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI