Utente
Buongiorno, ho da tempo un problema di natura ginecologica, per il quale ancora non ho consultato nessuno specialista, non conoscendone la rilevanza clinica e consapevole dell’aspetto fortemente soggettivo che caratterizza il dolore. Durante le mestruazioni, ogni mese, oltre ad alcuni dolorini di background che vanno e vengono per i sette giorni, ci sono momenti in cui il dolore si fa improvvisamente molto pungente e lancinante.
A quel punto, dopo tempo che riscontravo il problema, ho capito come agire: mi è sufficiente, mi scuso per l’immagine esplicita, correre in bagno e contrarre la muscolatura pelvica e addominale, per facilitare l’espulsiome di quelli che, dopo un’attenta e duratura osservazione, reputo essere lembi di endometrio. Delle volte compaiono anche coaguli, ma i lembi di endometrio, di dimensioni talvolta ragguardevoli, sono nettamente prevalenti.
Dopo l’espulsione dei suddetti, il dolore cala immantinente. Ho letto di una tipologia di dismenorrea, la dismenorrea membranacea, le cui caratteristiche sembrano corrispondere abbastanza alla mia situazione. Mi domandavo dunque se potessi allegarvi delle immagini, che ho meticolosamente raccolto, per aiutarvi nella diagnosi, ahimè, a distanza.
Vi ringrazio in anticipo per la gentile risposta.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Forse (?) confonde la presenza di coaguli si sangue mestruale con lembi di endometrio .Dalla sintomatologia che descrive , forse parlerei di DISMENORREA da flussi mestruali abbondanti , magari associati a retroversione uterina (?) .
Sono supposizioni cliniche che vanno confermate con accurato esame ginecologico.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buonasera dottore! Grazie per la celere risposta. Non ho in effetti dato dettagli circa l’entità del flusso che, a me, non pare particolarmente abbondante...
Ho analizzato il materiale : è elastico e difficile da sfaldare, mi sembra avere la struttura di un tessuto, per questo ho escluso l’ipotesi che fossero semplici coaguli. Mi rendo però conto dell’impossibilità da parte sua di formulare una diagnosi più precisa! Quindi la ringrazio, e le chiedo se, secondo lei, sia il caso di prenotare una visita specialistica.
Per ora, una buona serata.