Ritardo e test di gravidanza

Ciao! Ho avuto l'ultimo ciclo il 26/12, solitamente dura circa 30/31 giorni, non sempre è puntuale. Il 14/01 ho avuto due rapporti non protetti non completi, dopo il primo c'è stata un'eiaculazione esterna, lui si è lavato e ha urinato, e sono passate un paio d'ore circa prima di avere il secondo rapporto (sempre non completo). Dato che però, forse, ero nel periodo dell'ovulazione e sapevo del problema relativo al liquido pre eiaculatorio ed in generale al rischio del coito, al secondo giorno di ritardo (27/01) del ciclo ho fatto un test confidelle progress nella prima metà del pomeriggio, risultato negativo. Non essendo molto tranquilla, ne ho eseguito un altro (sempre confidelle) al quarto giorno di ritardo, 15 giorni dopo il rapporto a rischio, con la prima urina del mattino, risultato anch'esso negativo. Oggi sono al sesto giorno di ritardo, ho dolore al seno, un po' alla schiena, continuo ad essere agitata per il ritardo... Pensavo di andare dal ginecologo, una volta arrivato il ciclo, per trovare il giusto contraccettivo. Mi chiedevo, quei due test sono attendibili? Nei mesi precedenti non ho avuto ritardi così lunghi... (questo mese sono sotto esami e ho iniziato la palestra)
Grazie!
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
Il ritardo potrebbe essere legato alla iperprolattinemia indotta dallo stress , che potrebbe portare ad un blocco momentaneo della ovulazione.
In ogni caso , sulla scorta dei rapporti con contraccezione incerta (coito interrotto ) riferiti , ripetere un altro test di gravidanza , taglierebbe la testa al toro.(si fa per dire )
BUONA contraccezione "sicura "

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve! Aveva ragione, è arrivato stamattina con una settimana di ritardo... grazie infinite!
Ne approfitto per chiederle un'altra cosa, volevo prendere un appuntamento in consultorio per una visita ginecologica e per informarmi sulla pillola (ho 20 anni). E' comunque da un po' di tempo che, tramite internet, leggo forum, articoli e notizie sulla sua validità di essa e sui problemi/controindicazioni che potrebbe dare.
Mia mamma ha una malattia rara degenerativa cerebrale, ereditaria, che provoca ictus ed ischemie. Non potendo però sapere al momento se, sfortunatamente, potrei averla anche io, posso fidarmi a prendere la pillola? Perchè lei, con questo tipo di malattia, non la può assolutamente prendere.
Grazie ancora
[#3]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
in questi casi deve fare una valutazione dei tempi di coagulazione (consulenza presso un Servizio di COAGULAZIONE) e può prendere in considerazione un sistema intrauterino (da non confondere con la classica spirale ) come KYLEENA utilizzabile anche da donne come lei che non hanno avuto gravidanze (nullipare ) .
In attesa di definire la patologia materna se di natura ereditaria.
SALUTI

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie infinite!

Gravidanza: test, esami, calcolo delle settimane, disturbi, rischi, alimentazione, cambiamenti del corpo. Tutto quello che bisogna sapere sui mesi di gestazione.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test