Utente 524XXX
Salve,
Sono alla mia seconda gravidanza (14+4) e dalla 6 settimana mi è stato diagnosticato un distacco amniocoriale di circa 4*2 cm a seguito di perdite ematiche che mi avevano fatto pensare ad un aborto! Dopo 3 giorni le perdite sono completamente sparite e ho seguito la terapia con Progeffik 2 volte al giorno... non ho avuto più perdite e il distacco sembrava si stesse riassorbendo finché ,dopo un mese e mezzo, ho avuto un’ emorragia per cui sono stata ricoverata. Ora da una settimana continuo ad avere perdite non abbondanti ma a volte molto liquide di colore scuro a volte marroni , altre rosso scuro.. ho fatto un controllo e mi hanno detto non essere preoccupanti e che il feto continua a crescere regolarmente... vorrei sapere per quanto ancora possono continuare le perdite. Quando sembra che stiano scomparendo ritornano ed è sempre un incubo per me.
Grazie in anticipo

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
dovrebbe riportare nella traccia del consulto, il referto dell'ecografia e della visita clinica. Solo così, Le potrei essere d'aiuto nel darLe qualche chiarimento.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 524XXX

Buongiorno Dottore,
Intanto La ringrazio. Di seguito le riporto alcuni referti sperando di riuscire a ricostruire la situazione in maniera chiara:
Come le dicevo nel messaggio precedente dalla 6 settimana alla 12 non ho avuto problemi e il distacco da 4*2 era diventato 2*1.
-12+3 arrivi in pronto soccorso diagnosi:
Minaccia d’aborto in secondogravida primipara. (Sono stata ricoverata per circa 6gg per emorragia)
Durante il ricovero:
Gravidanza bigemina verosimilmente monocoriale ridottasi spontaneamente precocemente a singola nel primo trimestre (avevo omesso questo dettaglio perché uno dei due embrioni si è riassorbito già nella 7 settimana). Al controllo odierno si conferma la presenza di area anecogena superiormente alla camera riferibile a camera gestazionale in riassorbimento. Per Via TV al davanti dell OUI verso sinistra si evidenzia la presenza di area di distacco precedentemente segnalato di 37*17 mm in via di organizzazione.
Alle dimissioni non avevo perdite ematiche.

-13+5 mi sono recata in ps perché mi sono comparse delle perdite che anche se scure avevano destato preoccupazione in me perché un po’ troppo liquide e frequenti. Arrivata in ps si erano bloccate :
EOO : utero di volume corrispondente all epoca gestazionale. Collo posterione formato chiuso. Non perdite ematiche in atto, residui marrone scuro in vagina.
Eco TA Office: feto singolo in presentazione encefalica dotato di bcf e maf. Placenta anteriore apparentemente normoinserita. LA nella norma. Si segnala , davanti la cervice uterina, area anecogena in parte organizzata di 53*20 mm riferibile alla raccolta precedentemente segnalata.
-dopo qualche giorno di continue perdite sono ritornata a controllo e la ginecologa di turno mi ha fatto solo L ecografia esterna. fino ad ora mi hanno fatto quella interna per misurare e valutare bene il distacco ma lei non ha ritenuto necessario farla e questo è il referto:
Eco collo posterione formato chiuso minima perdita ematica marrone scuro non perdite di la . Eco feto dotato di bcf e maf.
Mi sono dilungata ma spero di averle riportato tutte le informazioni necessarie per valutare il mio caso. Vorrei chiederle se è possibile davvero vedere dall eco esterna il distacco perché l ultima dott. Che mi ha visitato ,come le dicevo prima ,mi ha solo detto che lei lo vedeva piccolissimo e non ha ritenuto necessario misurarlo, anche se nella precedente esco risultava essere leggermente ingrandito.
E comunque le perdite continuano con una frequenza quasi regolare aumentano di mattina pomeriggio e la sera un po’ più leggere sempre di colore scuro. So che dovrei cercare di stare tranquilla ma è molto difficile. La ringrazio e mi scuso ancora se sono stata prolissa.

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Ora la situazione mi è più chiara. Le perdite cui fa riferimento, sono da ascrivere al distacco amnio-coriale. Queste continueranno fintantochè il distacco sarà visibile. Per valutarlo si ricorrerà alla tecnica ecografica addominale o vaginale che più sembrerà opportuna per la sua misurazione.

Saluti
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente 524XXX

Salve Dottore, La disturbo ancora.. oggi ho fatto una nuova eco di controllo e il distacco risulta sempre lì, bello grande ( 7*2 cm) anche se la ginecologa dice di non far caso alla misura perché ognuno lo fa a modo proprio ed era diverso anche L apparecchio utilizzato! In ogni caso mi pare di capire che la mia condizione sia stabile e non accenni a migliorare.. anzi mi è stato detto anche che c è rischio di infezione e di rottura delle membrane... insomma sono molto confusa e spaventata... la rottura delle membrane può essere provocata dall’ ematoma in se o dalle eventuali infezioni che questo può provocare? E quali possono essere le cause del mancato assorbimento secondo lei? Grazie ancora

[#5]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Che l'ematoma non si assorba è impossibile. Le terapie da instaurare devono tenere conto delle possibili complicanze di un ematoma che rimane in sede per diversi giorni o settimane, ovviamente. Deve soltanto effettuare la giusta terapia ed attendere. Il processo è sempre reversibile.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Utente 524XXX

Gentile Dottore,
Le scrivo di nuovo riguardo il mio problema con il distacco. Ora sono a 16+4 Ho di nuovo avuto perdite abbondanti e sono stata ricoverata.. mi dicono che potrebbe essere L ematoma che ormai sta venendo via tutto in una volta.. in effetti ieri risultava più piccolo dell ultimo controllo effettuato circa 10 giorni fa! Mi hanno detto che il mio ematoma( già successo in precedenza) sembra che si stia riassorbendo e poi tende a riformarsi! Mi hanno fatto gli esami del sangue per valutare eventuali problemi di coagulazione e risultano nella norma. Lei ha esperienze di situazioni simili alla mia? Ora sono due mesi che convivo con questo ematoma che periodicamente continua a perdere.il bambino comunque sta bene e cresce regolarmente e mi dicono che la placenta è in alto e distante dal distacco. Qui mi danno Tranex due volte al giorno e progesterone 200 mattina e sera! Grazie in anticipo

[#7]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Ho avuto qualche paziente con una storia simile alla sua, sempre felicemente conslusasi. Continui le terapie prescritte. Non mi sembra, da ciò che riporta, che vi siano fattori di rischio specifici.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli